Potenziamento degli psicologi nel Sistema Sanitario Nazionale: la carica dei 12mila

Una lettera inviata al ministro della Salute Roberto Speranza per chiedere il reclutamento di psicologi nel Sistema Sanitario Nazionale. Un documento che ha già raccolto ad oggi più di 12.000 firme in tutta Italia. Otto professionisti (4 della Campania, 2 del Piemonte, uno del Lazio e l’altro della Toscana) stanno raccogliendo altre adesioni da parte dell’intera cittadinanza che da anni “viene lesa nel diritto ad avere delle cure psicologiche gratuite accessibili a tutti come parte dei Livelli Essenziali di Assistenza (Lea)”.

Il documento è stato inviato anche al Ministero del Lavoro, degli Affari Regionali e all’Anci per proporre al Governo e alle Regioni un rilancio dell’assistenza psicologica in Italia. “Lo psicologo – si legge – non ha una presenza capillare nel Sistema Sanitario Nazionale  e la sua inclusione come professionista sanitario in équipe multiprofessionali, operanti sul territorio, è assente benché l’assistenza psicologica sia prevista tra i diritti del cittadino da normative nazionali, raccomandazioni e linee guida come un’assistenza di tipo essenziale.

I dati del 2018 mostrano che solo il 20% degli psicologi italiani lavora con contratti strutturati e in convenzione nel SSN. Appare evidente che si tratta di numeri estremamente ridotti, che non consentono di rispondere a quanto previsto dai Livelli Essenziali di Assistenza (LEA 2017) e che, a seguito della pandemia da Covid-19, considerando l’aumento di nuove psicopatologie e l’acuirsi di quelle già diagnosticate, risultano insignificanti. L’assenza di assistenza sanitaria psicologica pressoché totale rispetto alle esigenze e la maniera disomogenea in cui sono presenti nelle Regioni Italiane i pochi psicologi disponibili in ambito pubblico spinge i cittadini a fare ricorso esclusivamente a percorsi privati (che non tutti possono permettersi) o ai soli psicofarmaci per tentare di alleviare le proprie sofferenze, senza pensare che tali scelte portano spesso solo effetti a breve termine e non risolvono il problema, in alcuni casi divenendo “schiavi” del farmaco (ansiolitici e antidepressivi, costo del 6,5% a carico dello Stato – dato AIFA). Eppure, nel corso degli ultimi 10 anni, sono state approvate una serie di normative nazionali che prevedono, come atto dovuto, lo Psicologo. Tra le tante, il più recente decreto Calabria nel 2019 prevede lo psicologo delle Cure Primarie, nonché lo “Psicologo di famiglia” che dovrebbe lavorare in collaborazione con Medici di famiglia e ai Pediatri di libera scelta. Infatti, come emerso da numerosi studi, tra i più recenti quello dell’Istituto Piepoli per il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (Cnop) secondo cui 8 cittadini su 10 chiedono assistenza psicologica accessibile a tutti economicamente e presente sul territorio (presso Asl, medici di famiglia, scuola e luoghi di lavoro), il più vicino possibile alla cittadinanza. Basandosi su questi dati e su altri studi che mostrano l’effetto positivo dell’assistenza psicologica sul sistema immunitario, nonché il positivo impatto sulla spesa pubblica, il presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi – David Lazzari, ha proposto al ministro Speranza, una linea di lavoro che prevede maggiormente e in modo stabile lo psicologo nel SSN, che consenta a tutta la cittadinanza di accedere alle cure psicologiche di cui ha diritto, esattamente come accade per le cure fisiche.

Gli psicologi in sintesi chiedono:

  • la modifica al Decreto Legge “Rilancio” per includere lo Psicologo in équipe territoriali cosicché possa operare al fianco di Medici e Pediatri, Infermieri e Assistenti Sociali per garantire assistenza psicologica ai cittadini contagiati, a cittadini non contagiati per la gestione di difficoltà di vita quotidiana generate dalle restrizioni da Covid-19 ma anche alla cittadinanza con fragilità, condizione aggravatasi con l’emergenza in corso. Ciò in attesa che ogni cittadino abbia a sua disposizione lo “Psicologo di famiglia”;
  • assunzioni nel Sistema Sanitario Nazionale di Psicologi e Psicologi – Psicoterapeuti (legge 56/89) in modo da coprire le attuali carenze e offrire assistenza psicologica al personale sanitario impegnato nell’emergenza, ai cittadini ricoverati e alle loro famiglie, come predisposto dal Decreto Legge “Cura Italia”, rimasto inapplicato;
  • incremento delle collaborazioni libero professionali per psicologi nella scuola, in tutti i gradi di istruzione, per fornire assistenza ad alunni e personale scolastico, nei tribunali, nelle carceri, nelle forze armate e dell’ordine e nei luoghi di lavoro;
  • bonus per i cittadini da utilizzare con Psicologi – Psicoterapeuti liberi professionisti per supporto psicologico e psicoterapia nell’emergenza sanitaria attuale.

 

Il link della petizione è il seguente:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSeLYg4H3EqzGQfSbeDZWOHVAzInJdOaw__PwtvS5beALqJJwQ/viewform

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online