Cicciano, l’ex Pretura in condizioni pietose: dovrebbe diventare una sede dell’Asl

CICCIANO – E’ stata per anni il simbolo della giustizia in città. Ora, da più di un lustro, rappresenta un inno all’incuria e alle promesse mancate. E’ l’edificio della Pretura di Cicciano abbandonato al suo destino e all’incuria del tempo che passa. Obiettivo di scorrerie notturne di buontemponi e aspiranti teppisti è invaso dalla vegetazione (che un po’ nasconde la vergogna) e dalla inesistente manutenzione. Doveva o dovrebbe essere secondo le intenzioni una sede per l’Asl che oltre alla guardia medica dovrebbe ampliare anche altri servizi sanitari. La spesa stimata nel 2017 per ripristinare i luoghi, e che provocò un aspro dibattito in consiglio comunale e sui social, si aggirava sui 200mila euro circa: ora i costi dovrebbero essere ancora più lievitati con l’azienda sanitaria sempre alla ricerca di far quadrare i conti. Chi ci passa non può non osservare che uno dei cancelli di ingresso è rotto (aggiustato con un inutile lucchetto) e facilmente aggirabile mentre diverse finestre sono rotte o aperte. Tutto questo in mezzo alla folta vegetazione e qualche immancabile rifiuto e all’interno la situazione non dovrebbe essere migliore.  Tra tanti progetti annunciati una sola certezza: i lavori non sono ancora iniziati.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online