Strisce blu a Cicciano, servizio a metà: parchimetri attivi, ma senza controlli

CICCIANO (Nello Lauro)  –  Un servizio a metà. E’ quello dei parcheggi a pagamento a Cicciano. Parecchie le segnalazioni giunte al giornale locale: “Ma il servizio è sospeso? Non si paga più? Che fine hanno fatto gli ausiliari del traffico?”. In effetti sembra proprio così. Molte strade sono tornare libere dalle auto che prima dribblavano le strisce blu e non si sentono da giorni i fischi degli ausiliari del traffico che avvisano gli utenti. Ma non è tutto così: questa mattina abbiamo simulato un parcheggio in via Nola. Abbiamo inserito il numero di targa e la macchinetta ha chiesto di inserire le monete. Stessa cosa per il parchimetro di piazza Mazzini. Abbiamo provato con la app (come si vede dalle foto allegate) e  anche in questo caso ha richiesto il pagamento. Il servizio è attivo. Cosa confermata in maniera ufficiale anche da qualche addetto ai lavori. Quindi ecco spiegata la mancata comunicazione dell’ente: il servizio funziona. Il fatto è che ora non c’è chi controlla: i contratti con i 4 ausiliari del traffico sono scaduti il 31 luglio e non sono stati rinnovati. Nessuna questione sul fatto che ci sia un servizio e va pagato: ma non va dimenticato però che il controllo da parte degli addetti è la voce più cospicua del contratto (circa 41mila euro sul totale di 56mila euro nel periodo da giugno a dicembre)  in essere del Comune con l’Agenzia dei Comuni dell’Area Nolana che è stato prorogato fino al prossimo 31 dicembre 2020. Nella determina settoriale dello scorso 4 giugno che proroga la convenzione fino a fine anno si legge anche la stima di incassi (prevedibili) pari a 56.742, 80 e spese (certe) pari a 56.611,70.  Nel caso andasse come dicono i numeri, l’incasso sarebbe di 131 euro circa. Una cifra che si commenta da sola per chi vorrebbe fare progetti vari con i soldi guadagnati.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online