sabato, Luglio 13, 2024
spot_img
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Coronavirus in Campania, altri 3186 positivi. De Luca: “Governo perde tempo”

Oggi la Campania ha registrato 3186 persone positive al Covid su 18650 tamponi (percentuale del 17%).  E’ il nuovo triste primato che supera di poco i numeri di ieri (sono stati 3103). Lo ha reso noto il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, in diretta Facebook che parla di “fortissimi ritardi delle decisioni del Governo fatte con la logica del mezzo mezzo che scontenta tutti e non risolve problemi”. “C’è una sottovalutazione grave della pesantezza dell’epidemia oggi e quindi tempi di decisione incompatibili con la gravità dell’epidemia, sta perdendo tempo prezioso”. “Nessuno si permetta di immaginare misure mezze mezze, per il livello di gravità del contagio le uniche misure non solo serie ma efficaci sono misure di carattere nazionali”. Così in diretta Fb il governatore della Campania in merito ad ipotesi di lockdown per Napoli. “Il resto è tempo perso – ha aggiunto – ci sono regioni nelle quali le percentuali sono enormemente superiori a Napoli. Nessuno dica oggi stupidaggini, le uniche misure sono di carattere nazionale, il resto sono cose intollerabili”. A partire da lunedì e fino al 14 novembre nella Regione si fermeranno anche le scuole dell’infanzia secondo una nuova ordinanza. Quanto alla situazione degli ospedali De Luca ha fatto sapere che “ci sono condizioni di stress per ricoveri e posti letto negli ospedali non per le terapie intensive”. “In questi giorni stiamo registrando in tutte le regioni un aumento esponenziale della pressione sull’emergenza territoriale 118, così come sui reparti ospedalieri di area critica. E’ in crescita l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva e sub-intensiva: le nostre ambulanze trovano difficoltà sempre maggiori nella presa in carico da parte dei presidi ospedalieri dei pazienti, sospetti o positivi al virus, o affetti da altre patologie. Sono enormemente rallentati anche i percorsi dell’emergenza-urgenza ordinaria”. Lo ha detto il presidente nazionale del 118 Mario Balzanelli. Il presidente del 118 sottolinea inoltre: “Non è vero che in ospedale ci stanno andando le persone con situazioni acute minori (i cosiddetti codici verdi). La gente ha il terrore di contrarre il virus in ospedale e non chiama il 118 se ha sintomi che non siano gravi”.

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com