Pmi e start up, a Nola presentato il Business Park Innovation Hub

NOLA – “Fare scuola di “innovazione” e di “rivoluzione 4.0” al Cis-Interporto con il Nola Business Park Innovation Hub significa, per la Regione Campania, fare la prima importante sperimentazione digitale di quella che dovrà essere, nel futuro post-covid, la realtà dell’intero territorio regionale” – lo ha detto l’assessore alle Attività Produttive e Lavoro, Antonio Marchiello, nel corso dell’evento online che si è tenuto in occasione della presentazione del Nola Business Park Innovation Hub, il nuovo progetto promosso dal Cis-Interporto di Nola con il supporto dell’incubatore di imprese “012factory”, nato dall’idea di favorire l’innovazione delle aziende interne e la nascita di start up. Il Nbp Innovation Hub è un Living Lab permanente all’interno del Cis che coinvolgerà utenti e stakeholder per ricerca, sviluppo e tecnologia. Difatti, tra gli obiettivi principali si propone: la crescita del livello di prontezza digitale e l’adozione di innovazioni di processo e di prodotto da parte delle imprese di Cis-Interporto di Nola; il supporto alla nascita Pmi e Start Up; ed infine la creazione di uno spazio permanente all’interno del distretto, che coinvolga gli attori principali del mondo della ricerca e dell’innovazione. Il presidente del Cis, Ferdinando Grimaldi, ha affermato: “Il nostro ecosistema, che ha alle spalle una forte tradizione imprenditoriale, a partire da oggi, potrà avvalersi di un ulteriore innovativo “strumento” che sarà il riferimento per l’attivazione di processi di rinnovamento per tutte le aziende presenti. Sono fortemente convinto che questo spazio contribuirà alla crescita futura del Cis degli anni a venire”. Il presidente di Interporto Campano, Alfredo Gaetani, ha sottolineato: “Questo nuovo progetto renderà ancora più attrattivo il Nola Business Park, che proprio per la concentrazione e l’integrazione delle aziende non poteva che essere il luogo perfetto per ospitare un incubatore. Oggi, colmiamo un gap e mettiamo a disposizione delle aziende presenti, e più in generale del territorio campano, uno strumento che potrà contribuire alla trasformazione digitale”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online