Camorra: rapina ed estorsioni, prese 8 persone vicine a clan Lo Russo

Figurano anche Luigi e Gaetano Cifrone, entrambi già detenuti con l’accusa di essere a capo del gruppo criminale “Ngopp Miano” (che controllo delle piazze di spaccio nel quartiere Miano di Napoli), tra le otto persone ritenute vicine al clan Lo Russo a cui i carabinieri della Compagnia di Napoli Vomero hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere in quanto gravemente indiziati, a vario titolo, di avere messo a segno una violenta rapina e due estorsioni ai danni di altrettanti commercianti. I reati contestati, rapina aggravata dall’uso delle armi e estorsione aggravata, secondo la Dda, sarebbero stati commessi per agevolare il clan Lo Russo e per ottenere il controllo, a Napoli, Miano e territori limitrofi (Chiaiano, Piscinola, Marianella e Colli Aminei). Oltre che a Luigi e Gaetano Cifrone, anche altri 3 degli 8 provvedimenti sono stati notificati a persone già in carcere. Tra i destinatari dell’ordinanza anche Gennaro Caldore, detto Genny cioccolato, Stefano Di Fraia, Pasquale Pandolfo, già sottoposti a custodia cautelare per il sequestro di persona a scopo di estorsione commesso, secondo gli investigatori, lo stesso giorno della rapina di cui all’ordinanza oggi eseguita.

Elenco destinatari misura cautelare in carcere:
1.    BUONO Antonio, nato a Napoli il 13/06/1988;
2.    D’ANDREA Salvatore, nato a Napoli il 20/06/1975;
3.    MASCIOLI Giovanni, nato a Napoli il 09/11/1989;
4.    CALDORE Gennaro, nato a Napoli l’11/01/1986 (già detenuto per altra causa)
5.    CIFRONE Gaetano, nato a Napoli il 17/06/1986 (già detenuto per altra causa);
6.    CIFRONE Luigi, nato a Napoli il 21/07/1987 (già detenuto per altra causa);
7.    DI FRAIA Stefano, nato a Napoli il 26/12/1984 (già detenuto per altra causa);
8.    PANDOLFO Pasquale, nato a Napoli il 17/05/1993 (già detenuto per altra causa).
Print Friendly, PDF & Email



Utenti online