Cimitile: sindaco ritira le dimissioni in extremis, la minoranza lo attacca

CIMITILE (Nello Lauro – Il Mattino.it) – Il sindaco Nunzio Provvisiero torna sui suoi passi e ritira le dimissioni poco prima della fatidica scadenza degli irrimediabili 20 che avrebbero sancito la fine del suo mandato. Il primo cittadino ha affidato ai social i suoi pensieri: “Ho appena ritirato le dimissioni che avevo rassegnato lo scorso 8 aprile motivi personali, ragioni rientrate. Questo mi consente di tornare pienamente nelle mie funzioni pubbliche per l’adempimento del mandato che mi è stato affidato dagli elettori. Una decisione ponderata e dettata dall’amore che nutro per il territorio e per i miei concittadini che in questo periodo sono costretti a vivere situazioni di estremo disagio causati dalla pandemia covid 19. Con lo stesso spirito che circa 3 settimane fa mi spingeva a rassegnare le dimissioni, oggi, coerentemente, le ritiro. Lasciare la guida del Comune proprio adesso avrebbe potuto cagionare ulteriori problemi alla cittadinanza. Cimitile e i cimitilesi – ha scritto Provvisiero – invece meritano un sindaco che possa dedicarsi, come ho sempre fatto e come ritengo sia giusto fare, a tempo pieno”. Non si è fatta attendere la caustica risposta dell’opposizione di Uniti con Prima Cimitile”:  “L’ultimo ritrovato della scienza ha miracolosamente guarito il malato. La foglia di fico è caduta, il re è nudo” affermano i consiglieri di minoranza. “L’ennesima bugia? Sta di fatto che i contorni di questa vicenda non appaiono chiari e sfuggono persino ai principali attori della maggioranza. Come è possibile che nessuno si chieda quali siano state le ragioni vere di queste dimissioni? Come è possibile che tutto torni esattamente come prima, nel silenzio generale di tutti quelli che sono stati trattati al pari di un fazzoletto di carta usa e getta? Mentre nel Paese e nel mondo si ragiona di rilancio e di futuro, a Cimitile va di scena il Medioevo. È proprio il caso di dire: ” Cimitile, Punto e a Capo”. Tanto per cambiare. Come prima. Peggio di prima” hanno scritto i rappresentanti della lista civica di opposizione.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online