Intelligenza artificiale (Ai) e sperimentazione: il futuro del gioco

“Per il prossimo futuro, non avremo sistemi di intelligenza artificiale in grado di progettare un gioco completo da zero con qualcosa di simile alla qualità, o almeno alla coerenza della qualità, che un team di sviluppatori di giochi umani può”, ha scritto Togelius nel suo libro del 2018 Playing Inteligente.

Julian Togelius è professore associato presso il Dipartimento di informatica e ingegneria della Tandon School of Engineering della New York University.

Nel suo libro Artificial Intelligence and Games, realizzato come co autore assieme a Georgios N. Yannakakis, Togelius espone la sua visione relativa al legame tra intelligenza artificiale (AI) e gioco. Dopo alcuni capitoli introduttivi sul tema dell’AI si passa all’utilizzo sul campo dell’Ai per il gioco, partendo dalla generazione di contenuti e di modelli realizzati con questo tipo di tecnologia. Si tratta di un testo accademico, ma al contempo valido per chi desidera approfondire il tema dell’interazione tra uomo e PC, ma al contempo rivolto anche allo studio di sviluppatori e progettisti di giochi per software house di tipo industriale e commerciale.

Ora, affrontato questo punto introduttivo, dove sia per gli accademici quanto per i game designer la ricerca di implementazione di sistemi di AI è necessaria, oltre che molto stimolante. Bisogna rendere il tutto ancora più divertente e fruibile, dal punto di vista del player, ossia del fruitore. Un altro studioso e accademico che ha speso tempo per analizzare il contesto dei giochi e degli audiovisivi è Rogelio Cardona-Rivera, Ph.D., un assistente professore presso l’Università dello Utah che si è presentato dicendo: “Mi interessa principalmente costruire il ponte ologrammi di Star Trek, o la tecnologia responsabile dell’alimentazione di Westworld”. (The Holodeck e Westworld sono due importanti pietre miliari della cultura pop che hanno catturato l’immaginazione dei tecnologi con le loro rappresentazioni di AI e VR.)

Ora Cardona-Rivera immagina un futuro in cui l’intelligenza artificiale agisce come un maestro del gioco che chiama i colpi per un giocatore umano.

“Immagina cosa significherebbe avere un “regista” di intelligenza artificiale che osserva quello che stai facendo e dirige l’esperienza che si sta svolgendo per te”, ha detto. “Questo è un po’ quello che sta cercando di fare la mia ricerca e quello che un sacco di lavoro interessante nel campo, non solo io, sta cercando di fare.”

 

Fino a quando non lo scopriranno, continueremo a vedere designer umani e algoritmi informatici lavorare insieme per creare la prossima generazione di videogiochi.

AI e analisi di gioco

L’intelligenza artificiale potrebbe non essere ancora all’altezza del compito di creare interi giochi di alta qualità da zero, ma può certamente fornire un feedback prezioso ai progettisti del gioco, che possono mettere a punto le loro creazioni per giochi molto popolari come il blackjack gratis ad esempio o altri giochi classici da casino come la roulette, le slot machine o il poker che nello specifico, in quanto gioco basato sull’abilità (è uno skill game) offre ampi spazi di sperimentazione per l’intelligenza artificiale.

“Sarebbe difficile trovare un gioco rilasciato commercialmente che non telefoni a casa allo sviluppatore con informazioni su come viene giocato”, ha scritto Togelius.

I giochi raccolgono regolarmente dati su come un giocatore sperimenta un gioco. Queste informazioni vengono inserite in un algoritmo e alla fine vengono utilizzate dagli umani per modificare i giochi in base alle sue previsioni su ciò che piacerà ai giocatori. Suona strano? Pensa a Netflix che ti spinge verso il tuo prossimo spettacolo, Spotify che ti crea una playlist personalizzata o Amazon che consiglia un prodotto in base alla tua cronologia di navigazione passata.

“I giochi riguardano molto ciò che crea un’esperienza avvincente a cui le persone continueranno a tornare”, ha detto Khandaker. “Questo è fondamentalmente ciò di cui l’intelligenza artificiale è al servizio”.

VIDEOGIOCHI IN REALTÀ VIRTUALE

Per decenni, la realtà virtuale ha stuzzicato i giocatori con la prospettiva di un’esperienza completamente immersiva. Ma la tecnologia deve ancora mantenere questa promessa. Le aziende tecnologiche stanno cercando di cambiarlo. Grandi aziende come Facebook, Google, Microsoft e Sony – e startup come Magic Leap – hanno investito notevoli risorse per sviluppare hardware e giochi VR.

La realtà virtuale è ancora una categoria di nicchia rispetto al resto dell’industria dei giochi. E nonostante il suo stato vivace, continua a far riflettere molti consumatori.

“In questo momento siamo una specie di disillusione sulla realtà virtuale”, ha detto a Built In Kevin Mack, uno sviluppatore di giochi VR. “C’era un sacco di clamore intorno a questo nel 2015 e nel 2016, e poi il mondo intero si è indignato per il fatto che il loro visore VR di prima generazione non si è trasformato immediatamente nel ponte ologrammi”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online