Truffa, ‘furbetti’ del cartellino, 55 indagati ad Avellino

Si scambiavano i rispettivi badge elettronici che per oltre 400 volte sono stati utilizzati per coprirsi a vicenda quando non si presentavano o si allontanavano dagli uffici. A 55 dipendenti in servizio presso il presidio di Protezione Civile del Genio Civile di Avellino è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini da parte della Procura del capoluogo irpino, che li vede indagati, a vario titolo, per truffa aggravata e falsa attestazione della propria presenza in servizio. Le indagini, avviate nell’ottobre del 2017 dai militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Avellino, hanno accertato che gli indagati avrebbero attestato fraudolentemente circa mille ore di presenza al lavoro nel solo mese di maggio 2018, mentre gli allontanamenti ingiustificati dagli uffici superano i 1.400. Gli investigatori si sono avvalsi di appostamenti e pedinamenti ma anche di un diffuso sistema di telecamere installate all’interno e all’esterno della sede di lavoro. (ansa)

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online