Comunali 2021: Alfredo Vetrano, un medico per “curare” Camposano

CAMPOSANO (Nello Lauro) – Un cardiologo per “defibrillare” un paese in difficoltà  e attualmente senza guida dopo il burrascoso scioglimento anticipato dell’amministrazione guidata da Francesco Barbato. Un medico che rompe gli indugi e si candida per guidare Camposano, il “suo” paese. Alfredo Vetrano, 64 anni, responsabile dell’unità di Terapia intensiva cardiologica dell’Aorn di Caserta ha deciso di annunciare la sua discesa in campo con un messaggio social. Parole ficcanti, concetti chiari, stilettate d’autore per i futuribili avversari per la corsa alla carica di sindaco.

LA PRIMA VOLTA – “Molti anni fa cercai di dare un contributo di idee e di rinnovamento,nel segno della promozione culturale e della valorizzazione delle giovani intelligenze del paese. Mi imbattei in politicanti di professione, guarda caso gli stessi di oggi, che delle belle idee di rinnovamento non sapevano che farsene. Erano abili  “contatori di voti”, pervasi dalla libidine del potere,che con un diabolico sistema di affiliazione tribale entravano in tutte le case degli onesti cittadini di questo paese, e come esattori senza scrupoli spillavano voti, spesso con promesse di posti e utilità poi brandite come arma di ricatto. Preso dal lavoro e dallo studio, non riuscii a dare continuità a quegli ideali per contribuire a cambiare quel sistema marcio”.

POST COVID – “Quest’anno, dopo mesi e mesi dì lockdown, passati in ospedale in prima linea a combattere questa tremenda epidemia, ho cominciato a guardare con occhio curioso e democraticamente  interessato ai temi politici della comunità. Se il tema di questi mesi è rinascere dopo il dramma, è giusto che tutte le intelligenze operanti sul territorio diano il loro contributo alla causa”.

LA SFIDA – “Spronato da amici che al dibattito politico hanno partecipato in prima persona per anni, alcuni anche con ruoli amministrativi, ho cominciato a partecipare ai “tavoli” della politica camposanese, sbandierati come luoghi della ricerca del dialogo nella direzione del cambiamento“.

GIOVANI ANZIANI – “Mi dispiace deludere alcuni giovani, sulla cui buona fede non ho motivo di dubitare , che lanciano appelli in nome del rinnovamento del fare politica, chiedendo incontri chiarificatori e pacificatori per organizzare la crociata contro l’anticristo. A questi tavoli innovativi ho trovato le stesse persone di trenta e più anni fa, arroccati nella difesa del loro prezioso bottino di voti teorici, eredità di tornate elettorali precedenti. Nessuna idea  politica, nessun programma, nessuna disponibilità all’ascolto,alla condivisione, al civile dibattito democratico. Ma quel che è peggio, nessuna idea di rinnovamento e di cambiamento di questo modo di fare politica medievale. Si è enfatizzato il ruolo “demoniaco” del sindaco uscente per organizzare una truppa d’assalto che nel comune obiettivo salvifico arruolasse tutti, proprio tutti, vecchi e nuovi politicanti senza idee. Così mantengono a galla personaggi che proprio a questa comunità non hanno più nulla da dare, ammesso che abbiano mai dato qualcosa”.

IL CONFRONTO – “Continuerò a dialogare con le menti sane di questa comunità, per dare voce a tutte quelle donne e a quegli uomini  che nel caos in cui è sprofondato questo paese non hanno la possibilità di farsi sentire, di esprimere il loro disagio, i loro bisogni reali, che siano assistenziali, economici, sociali, di crescita culturale e occupazionale. E credo che loro siano ben contenti di non vedermi perdere tempo nei bar o per strada, dove secondo alcuni invece si forma il curriculum politico degli amministratori. Tranquillizzo tutti gli assatanati delle poltrone, nessuna velleità, nessuna fuga in avanti. Solo esercizio democratico dell’intelligenza”.  Alfredo Vetrano è pronto alla sfida.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online