Covid in Campania: dad, tamponi e ospedali, è il giorno del caos

(Nello Lauro) – E venne il giorno del caos. Finite le feste, ricomincia la giostra. Negozi chiusi, alunni di nuovo in Dad, ricoveri e visite sospese negli ospedali, file interminabili e isteriche per tamponi e vaccini. Polemiche, disagi, proteste in mille contraddizioni. Alcune che fanno sorridere di rabbia: liceo classico Carducci “chiuso” a Nola per disposizione sindacale e succursale aperta a Casamarciano poche centinaia di metri dopo oppure quella ancora più assurda degli studenti positivi che, per legge, possono solo essere uditori in didattica a distanza, ma non partecipare attivamente alle lezioni (infettano attraverso la voce? Mistero…). Vincenzo De Luca sospende lezioni per istituti infanzia, elementari e medie e il Tar aspetta i documenti per capire la situazione con il Governo che ha impugnato il provvedimento del presidente della giunta regionale che ha provveduto a inviare gli atti richiesti. I livelli di green pass tipo videogiochi, botte e risposte tra politici, social impazziti tra pro vax e no vax, tra pro dad e no dad, malumori tra genitori che lavorano, famiglie con bambini con disabilità e chi ha problemi di connessione con più figli studenti in casa. Nulla di nuovo insomma. Solo che adesso siamo nel 2022 e non nel 2020. Quanto tempo senza prendere decisioni univoche (altro esempio pessimo di gestione è il mondo del calcio o il caso Djokovic), quanto tempo sprecato senza organizzare alternative, controlli, gestione dell’emergenza. In tutto questo c’è da eleggere anche il presidente della Repubblica. Tutti hanno ragione da avere torto.

Print Friendly, PDF & Email

TAG


Utenti online