Violenza di genere, in 7 mesi 155 arresti: ecco il “Violenziometro”

Da gennaio a oggi i militari dell’Arma hanno arrestato a Napoli 155 persone per reati come i maltrattamenti in famiglia o gli atti persecutori per una media di 22 arresti ogni mese. Solo negli ultimi cinque giorni sono finite in manette 10 persone per questi tipi di reati.

Tre ambienti sono stati dedicati all’ascolto delle vittime di violenza di genere, nella cosiddetta “Stanza tutta per se”. Tre luoghi – realizzati grazie alla collaborazione del Soroptimist International Club Napoli – in altrettanti punti strategici della Provincia come Capodimonte, Caivano e Ercolano. Stanze riservate all’ascolto e alla denuncia, allestite con arredi più accoglienti e caldi, distinti da quelli degli uffici generalmente utilizzati per la raccolta delle denunce.

Diversi i casi eclatanti citati nel rapporto dei carabinieri. A Fuorigrotta i militari della locale stazione hanno arrestato per atti persecutori e violazione del divieto di avvicinamento alla parte offesa un 40enne del posto già  noto alle forze dell’ordine. La sua vittima ormai viveva in un perdurante e grave stato di ansia e di paura, tali da costringerla a mutare le proprie abitudini di vita. Per questo motivo l’autorità  giudiziaria aveva emesso nei suoi confronti la misura cautelare del divieto di avvicinamento ma questo non è bastato. L’uomo è tornato nell’abitazione dove gli era stato impedito di terrorizzare la donna ed ha iniziato a urlare e a minacciare di morte la vittima. E’ bastata quella voce per far ricadere nell’incubo la donna che ha chiesto aiuto ai carabinieri. I militari sono intervenuti e hanno arrestato il 40enne che ora si trova in carcere in attesa di giudizio.

Tre giorni fa a Castellammare di Stabia i carabinieri della locale compagnia hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia, tentata estorsione e lesioni personali il figlio di un’anziana coppia che resisteva alle sue ritorsioni da 10 anni. Episodi mai raccontati a nessuno e mai denunciati culminati con l’ennesima aggressione.

A Monte di Procida i militari della locale stazione hanno arrestato un 45enne che, per ottenere dalla propria madre 70enne la somma di 50 euro, aveva pestato l’anziana vittima non prima di mettere completamente a soqquadro l’abitazione. I carabinieri lo hanno bloccato in strada e arrestato. Il 45enne era fuggito mentre la signora era in casa ferita, per lei lesioni dovute ai “postumi da contusione” giudicate guaribili in 7 giorni dai medici del santa Maria delle Grazie. L’arrestato è in carcere in attesa di giudizio.

A Casalnuovo di Napoli invece i Carabinieri della locale tenenza hanno arrestato su disposizione del tribunale di Nola un 44enne del posto. I militari hanno raccolto episodi avvenuti negli ultimi tempi caratterizzati da violenze e maltrattamenti posti in essere dall’uomo nei confronti dell’ex compagna convivente.

Indagini svolte in sinergia con le rispettive Procure come nel caso di un 32enne del quartiere Ponticelli arrestato dai carabinieri della locale stazione su disposizione del tribunale di Napoli. L’uomo dovrà  scontare la pena di 2 anni e 9 mesi di reclusione per maltrattamenti nei confronti dei propri familiari.

Episodi che vedono vittime anche delle madri esasperate dalle violenze che subiscono quasi ogni giorno da quei figli che per acquistare la droga chiedono denaro. Lo vogliono, lo pretendo e lo ottengono, altrimenti sono botte. E’ il caso di una donna di Afragola che è  andata negli uffici della locale stazione di primo mattino per raccontare e denunciare l’ennesima violenza patita la sera prima da parte del figlio 29enne al quale aveva dovuto dare ancora una volta del denaro. Arriva sera e l’episodio si ripete. L’uomo vuole altri soldi e li ottiene, sono 50 euro. Questa volta però la donna chiama i carabinieri che entrano in casa e arrestano il 29enne che ora è in carcere.

Caso simile a Giugliano in Campania, nella vicina frazione di Varcaturo, dove a finire in manette su disposizione del tribunale di Napoli Nord su richiesta della locale Procura un 27enne. Un anno e mezzo di vessazioni, minacce e lesioni che gli anziani genitori del ragazzo hanno sopportato fino a quando hanno avuto il coraggio di chiedere aiuto ai carabinieri. Arrestato, è in carcere in attesa di giudizio.

Arresti ed esecuzioni di misure cautelari nei confronti di uomini violenti come avvenuto anche a Saviano e un’altra volta a Casalnuovo di Napoli. L’ultimo proprio ieri sera a Portici dove i carabinieri hanno arrestato su disposizione del Tribunale di Napoli un 37enne per atti persecutori nei confronti dell’ex moglie. Fermi che chiudono il cerchio su questi ultimi 5 tragici giorni che hanno visto i carabinieri sempre in prima linea nel contrasto alla violenza di genere.

Tra le iniziative adottate dall’Arma dei Carabinieri, l’istituzione, a livello nazionale sin dal 2009, di una sezione “Atti persecutori” nell’ambito del Raggruppamento Investigazioni Scientifiche. Ufficiali e marescialli sempre più specializzati e capaci di comprendere nel senso più intimo del termine le richieste d’aiuto da parte delle persone bisognose.

Il Comando generale, inoltre, ha creato per le persone in difficoltà , che sono ancora ancora indecise nell’affrontare la piaga familiare o semplicemente hanno paura, una locandina.
Un “Violenziometro” formato da due colonne che permettono alla vittima di valutare la propria situazione. Da una parte delle possibilità dove nel caso ne sussista almeno una porta a una concreta ipotesi: “Sei vittima di violenza di violenza di genere” , dall’altra parte della locandina consigli si come agire. Un pdf con tanto di QR code.

 

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online