Omicidio nel Casertano: 38enne ucciso davanti alla moglie

E’ un barbiere di 38 anni, Luigi Izzo, la vittima dell’omicidio avvenuto nella notte a Castel Volturno. Secondo quanto ricostruito l’uomo si stava ritirando a casa con la moglie, ed era nei pressi del cancello di ingresso, quando è stato raggiunto dal 27enne con cui aveva in precedenza litigato e dal papà di quest’ultimo.

I due erano in auto. Il genitore del 27enne è sceso e dopo un diverbio ha colpito almeno quattro volte Izzo con un coltello da cucina che aveva preso nella sua abitazione. In caserma, davanti al sostituto di Santa Maria Capua Vetere Annalisa Imparato, l’uomo avrebbe ammesso le proprie responsabilità, spiegando di aver agito per “difendere mio figlio”. Nella stazione dell’Arma a Castel Volturno è stato condotto anche il 27enne, sposato con due figli.

I FERMI – Il sostituto procuratore di Santa Maria Capua Vetere Annalisa Imparato ha disposto il fermo per l’uomo responsabile dell’omicidio del barbiere e per il figlio 27enne. L’accusa è di omicidio volontario per il primo, reo confesso, e concorso nello stesso reato per il figlio, che era in auto quando il papà  è sceso accecato dalla rabbia e ha colpito Luigi più volte (si contano tra i quattro e i sei fendenti), e ciò davanti alla moglie del barbiere. Quasi una sorta di raid punitivo, anche se il responsabile, interrogato nella caserma dell’Arma a Castel Volturno, si è difeso dicendo che quando è sceso dall’auto e si è trovato di fronte Luigi Izzo, avrebbe visto quest’ultimo che avvicinava la mano alla tasca del pantalone tanto da pensare che stesse per estrarre una pistola. Luigi, però, non aveva alcuna arma con sé. (ansa)

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online