sabato, Luglio 13, 2024
spot_img
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Omicidio Giulia Tramontano, restano i dubbi: prevista autopsia

È stato ripulito dalle sterpaglie, e i muri sono stati imbiancati in tempo record, il punto in cui esattamente una settimana fa è stato trovato abbandonato il corpo di Giulia Tramontano, la 29/enne incinta al settimo mese, uccisa il sabato prima, 27 maggio, dal compagno Alessandro Impagnatiello. Nonostante l’invito dell’amministrazione comunale, che ha transennato l’ingresso che porta all’intercapedine in cui la giovane era riversa, il luogo continua ad essere meta di testimonianze di affetto per Giulia, il bimbo che doveva nascere e la sua famiglia. Una commozione ma anche rabbia e dubbi che aumentano insieme allo choc man mano che emergono altri particolari sull’omicidio di Giulia, come quello che sarebbe stata aggredita alle spalle e colpita da una coltellata alla gola.

“Non poteva essere che così – ha detto una vicina di casa dei due giovani in via Novella – Era impossibile che nessuno avesse sentito le urla di Giulia se ne avesse avuto il tempo, i nostri muri sono confinanti, si sente tutto, tante volte li ho sentiti parlare, mai litigare, qualche volta lei aveva un tono più alto, lui no , sempre molto freddo e controllato”. Fiori, messaggi e peluche hanno completamente ricoperto anche la panchina rossa contro la violenza delle donne nel parco Falcone e Borsellino, in via Pacinotti. Non molto distante c’è il palazzo dove vive Sabina Paulis, la mamma di Alessandro Impagnatiello. La donna si è trasferita da parenti per sfuggire alla curiosità di questi giorni, sia della gente che dei giornalisti che anche oggi hanno cercato di mettersi in contatto con lei. Gli inquirenti hanno escluso ancora una volta qualunque coinvolgimento di altre persone nell’omicidio di Giulia Tramontano. “Forse Sabina qualcosa aveva intuito – ha detto una signora che la incontrava al parco – ma da madre la capisco, sicuramente non avrà voluto dare corpo ai pensieri che sicuramente le saranno venuti nei giorni in cui si cercava Giulia ed entrando in casa loro, quando ancora non si sapeva che il figlio aveva già ucciso la ragazza”.

Per domattina all’istituto di medicina legale a Milano è prevista l’autopsia di Giulia Tramontano. L’esame autoptico dovrà chiarire alcuni aspetti ancora nebulosi e mettere alcuni punti fermi sulla dinamica dell’omicidio. Innanzitutto servirà a stabilire la causa esatta del decesso, il numero delle coltellate inferte (Impagnatiello ha parlato di 3 fendenti), la posizione delle ferite, se l’uomo l’ha colpita al ventre (raggiungendo così anche il feto) e se la donna era ancora in vita mentre il suo assassino tentava di dar fuoco al corpo. E anche se a Giulia sia stato somministrato del veleno per topi, che è stato trovato nello zaino di Alessandro.  (fonte Ansa)

 

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com