mercoledì, Luglio 24, 2024
spot_img
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Addio a Pino D’Angiò, icona della musica degli anni Ottanta

E’ morto a 71 anni il cantautore Pino D’Angiò, che negli anni ’80 conobbe uno straordinario successo con ‘Ma quale idea’, considerato uno dei primi brani rap in lingua italiana. La moglie Teresa e il figlio Francesco hanno comunicato la notizia della morte dell’artista, originario di Pompei: “Purtroppo oggi papà ci ha lasciati, colpito da un grave malore che lo ha portato via nel giro di qualche settimana. Ha resistito tanto, come ha sempre fatto”. Nato a Pompei, D’Angiò – all’anagrafe Giuseppe Chierchia – è stato apprezzato anche all’estero, ha lavorato come attore, doppiatore e produttore musicale. La sua attività artistica è stata fortemente ostacolata da malattie che, specie negli ultimi anni, ne avevano minato fortemente la salute. La sua caratteristica voce roca diede vita a quello che viene considerato appunto il primo rap italiano, ‘Ma quale idea’, grande hit del 1980 rimasto al vertice della hit parade spagnola per 14 settimane l’anno dopo. Nel 1981 fu la volta di ‘Un concerto da strapazzo’, sempre all’insegna dell’ironia e del non sense, in cui immaginava di duettare con i più grandi big della canzone. Una lunga carriera, tantissime tournée internazionali, riconoscimenti prestigiosi. Nel 2001 è l’unico italiano a ricevere negli USA il Rhythm & Soul Music Awards. Scrive tra l’altro una canzone per Mina, “Ma chi è quello lì”. Nel 2022 il suo ‘Okay Okay’ viene scelto da Amazon per gli spot pubblicitari del Black Friday in USA e nel mondo. Nel 2023 torna a girare tra Italia, Svizzera, Londra e Parigi esibendosi in pub e locali. I giovani, quelli neppure nati ai tempi di ‘Ma quale idea’ lo acclamano, specie dopo che il remix sanremese nella serata dei duetti con i Bunkerr 44 diventa tormentone in radio. I funerali sono in programma martedì, a Pompei.

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com