La Campania migliore in ‘monnezza’, ma la tagliola dell’Ue è già affilata

NAPOLI-  ”La procedura va avanti ma riteniamo di avere argomenti e carte nuove da presentare nelle prossime settimane”. Cosi’ il ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, al termine di un incontro oggi a Bruxelles, col commissario Ue all’Ambiente, Janez Potocnick, sul rischio deferimento dell’Italia alla Corte di giustizia Ue per i rifiuti della Campania a giugno. Secondo quanto spiegato da Orlando, non sono stati tanto i rifiuti l’oggetto dell’incontro col commissario Ue, ma cosa ”riusciamo a sostanziare nell’arco delle prossime settimane per far capire che si e’ aperta una fase nuova, con una particolare finestra di attenzione al tema delle procedure, viste non solo come una tegola che ti cade in testa, ma come uno stimolo ad adeguare la nostra politica a standard europei”. Incalzato dalle domande dei cronisti sulla Campania, il ministro dell’Ambiente ha aggiunto: ”Abbiamo fatto presente come ci siano stati progressi compiuti nella raccolta differenziata, come alcuni impianti, seppure in ritardo, stiano partendo e come sia fondamentale continuare a finanziare gli impianti che partiranno. E mi pare che su questo abbiamo avuto un riscontro positivo”.

fonte Ansa

Print Friendly, PDF & Email