Orrore a Salerno, fa a pezzi la mamma e la mette nel frigo

Foto Ansa

Foto Ansa

SALERNO- Dramma e orrore a Salerno in un’abitazione di via Martuscelli. Un uomo di 45 anni ha ucciso l’anziana madre e poi con una sega l’ha sezionata mettendo i resti nel frigorifero. Alcuni resti sono stati trovati dalla Polizia su una griglia dove l’uomo li aveva messi a cuocere.

I primi a entrare in casa e a fare la macabra scoperta sono stati i vigili del fuoco e gli agenti della Squadra Volanti della Questura di Salerno, giunti sul posto dopo una telefonata anonima che segnalava un forte e acre odore di gas provenire dall’appartamento.

La donna si chiamava Maria Pia Guariglia e aveva 70 anni. Il figlio si chiama Lino Renzi, ha 45 anni, e – da quanto si è saputo finora – soffre di problemi psichici ed era sottoposto a terapie. Lino Renzi è stato trovato dai poliziotti sul letto della propria camera, completamente nudo: non ha aperto bocca ed è stato trasferito in ambulanza in ospedale.

La morte  potrebbe risalire a due-tre giorni fa. E’ quanto emerso dal primo esame esterno sul cadavere effettuato dal medico legale. Sarà comunque l’autopsia, che è stata disposta dalla Procura di Salerno e sarà eseguita nel pomeriggio di oggi o domani mattina, a stabilire data e cause del decesso. Il figlio della donna ha trascorso la sua prima notte nella sezione detenuti dell’ ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno, sotto stretta sorveglianza degli agenti della Polizia Penitenziaria.

L’uomo da tempo soffriva di problemi psichici e più volte era stato costretto a ricorrere a ricoveri nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Salerno. Gli agenti della squadra mobile ed i colleghi della Polizia scientifica hanno rinvenuto diversi flaconi di medicinali nell’abitazione, alcuni riversi sul tavolo della cucina. Sui fornelli, invece, l’uomo aveva posto una piastra ed una pentola contenenti resti umani.

Nel congelatore del frigorifero gli investigatori hanno rinvenuto anche parte di una piede della vittima. La donna, il cui corpo era riverso nel bagno, tra il water e un mobiletto, presentava varie mutilazioni, soprattutto agli arti, e un colpo al volto ed alla tempia, oltre a varie altre ferite sul corpo.

fonte Ansa

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online