Pizzo alle imprese, la camorra casertana non risparmia: 3 arresti tra i Belforte

CASERTA-  E’ stata eseguita stamani un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, su richiesta della Procura di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, dal gip del Tribunale di Napoli nei confronti di tre indagati appartenenti al gruppo camorristico di Maddaloni” affiliato al clan Belforte che opera nei comuni di Marcianise, Capodrise, San Marco Evangelista e San Nicola la Strada, ritenuti responsabili, a vario titolo, del reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Le ordinanze di custodia cautelare, frutto della attività investigativa diretta dai magistrati della Dda di Napoli e condotta dai militari del Comando Compagnia Carabinieri di Maddaloni, anche attraverso intercettazioni e acquisizione di immagini di un sistema di video sorveglianza, sono state eseguite a Maddaloni e presso le Case Circondariali di Napoli, Secondigliano e di Santa Maria Capua Vetere, dove due dei tre destinatari del provvedimento sono già reclusi per altra causa. I provvedimenti riguardano, in particolare, tre persone che, nel febbraio del 2012, in concorso tra loro, con violenze e minacce si sono fatti consegnare un pizzo da mille euro da un imprenditore del settore della compravendita di mezzi industriali di Maddaloni.

Fonte TmNews

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com