Festival Casamarciano, protagonisti i sapori della Campania con la sagra di via Curti

Castelvenere

Castelvenere

CASAMARCIANO- Il Festival va in stand by, ma non finisce la festa. Continua la kermesse teatrale ed enogastronomica che sta registrando il pienone a Casamarciano. Dopo le prime due serate, che hanno visto esibirsi due compagnie teatrali (la “Calandra” di Lecce e la Compagnia “Eduardo Scarpetta” di Gioia Sannitica”) stasera gli artisti rispettano un turno di riposo ma continua l’appuntamento con le bontà locali. A cura della Proloco Casamarciano si terrà infatti, presso via Curti, la “Festa degli antichi mestieri e degli antichi sapori”. A seguire, Tecla in concerto.

Quest’anno il festival nazionale del teatro si presenta sotto una veste rinnovata, sarà infatti un percorso tra le scene della commedia ed i sapori dei prodotti locali. Forte della partership siglata con i comuni di Castelvenere, Gioia Sannitica, Faicchio e San Potito Sannitico, nel corso dell’evento si propongono assaggi e degustazioni dei prodotti di queste località, oltre a quelli dell’area nolana. Un connubio che sta riscuotendo successo di pubblico.

La curiosità: Tra i comuni gemellati con Casamarciano c’è Castelvenere, provincia di Benevento, che vanta un ragguardevole record: è il primo comune campano per superficie vitata. E’ il paese più vitato della Campania. Questo significa che in Italia è il paese che, per rapporto tra dimensioni e vigneti, è quello che vanta il maggior numero di coltivazioni a viti. Ogni anno a luglio, qui si svolge una apprezzata festa del vino che coinvolge le cantine sannite.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online