PSG, Cavani: “A Napoli non ero fondamentale”

di Giuseppe Barone (Maidirecalcio.com)

Torna a parlare del suo vecchio Napoli dopo l’approdo al Paris-Saint-Germain in estate, al termine dell’ultimo match di campionato tra Psg e Monaco, terminato 1 a 1, con le reti di Zlatan Ibrahimovich e Radamel Falcao, l’ex attaccante dei partenopei, Edinson Cavani, che ha rilasciato delle brevi dichiarazioni alla stampa locale, soffermandosi anche sul suo addio a Napoli. L’uruguayano si focalizza in particolar modo sull’assetto di gioco che sta facendo grande il Napoli: “Il Napoli sta facendo grandi cose,la mia cessione non è stata fondamentale per loro. Hanno un impianto di gioco collaudato, stanno facendo bene. Dipende tutto da loro. Perchè sono andato via? Sono cose che capitano nel mondo del calcio, non c’è nulla di eccezionale. Il Napoli va avanti e anche io. Credo e spero possa fare una grande stagione”

La sua cessione in estate dal Napoli al Paris Saint-Germain sembrava poter provocare delle disastrose conseguenze per gli azzurri: così non è stato. Con la partenza di Cavani, il Napoli ha trovato Higuain ed un impianto di gioco che, grazie a Benitez, per il momento sta dando decisamente i suoi risultati.

Ma guardiamo l’altro lato della medaglia, ovvero il rendimento del Matador stesso, abituato quando vestiva l’azzurro ad andare in rete con grande regolarità. Cavani attualmente non sta vivendo un periodo felicissimo, anche se il suo PSG sembra andare bene, 2° in campionato e vittorioso nella prima apparizione in Champions League, da un’attaccante di razza com’è lui ci si aspettano, però, valanghe di gol, ed invece dopo 6 giornate di campionato ed una di Champions League, il bottino di Cavani è di sole 3 reti.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online