domenica, Maggio 26, 2024
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Disordini, malori e sedie in aria fra vigili, salta il concorso: alcuni candidati con risposte in tasca

NAPOLI – Disordini sono scoppiati stamani a Napoli fra i candidati, tutti vigili urbani, che partecipavano a una prova per la progressione di carriera. Alcuni dei candidati – due secondo i testimoni che si trovavano sul posto – si sono sentiti male e sono stati soccorsi. La prova, che era in corso al Centro Polifunzionale di Soccavo e alla quale partecipavano alcune centinaia di candidati – si apprende da fonti comunali – è stata sospesa e rinviata. Si tratta di oltre 500 promozioni interne al Comune. Il Comune smentisce accuse di brogli e parla invece di «caos organizzato». La prima sessione era quella riservata alla polizia municipale, 400 gli aspiranti per 100 passaggi di categoria. Quando la commissione esaminatrice ha deciso di separare i giovani dagli anziani in due sale diverse è scoppiato il caos. Proteste, urla, sono anche volate sedie in aria. Alcuni candidati sarebbero stati sorpresi con le risposte ai quiz già in tasca. E il parapiglia ha visto scontrarsi vigili candidati contro i colleghi del servizio d’ordine. Sul posto è arrivato anche il comandante della municipale Ciro Esposito. Il primo ad avere un malore è stato un agente trapiantato al rene. Sulle promozioni, le cosiddette progressioni verticali, c’era stato un ricorso al Tar di 141 idonei al concorso del 2010. Ma il Tribunale la settimana scorsa aveva dato l’ok alle selezioni. Il presidente della Commissione Trasparenza del Comune di Napoli, consigliere Andrea Santoro, dice in una nota che «si è concretamente manifestata oggi una drastica frattura in seno al corpo della Polizia Municipale causata non solo da differenze generazionali ma anche e soprattutto da troppi anni di promesse puntualmente disattese da parte delle varie amministrazioni nei confronti del suo personale. Ormai regna un clima avvelenato da sospetti e ricorsi pendenti al Tar. Mi auguro che il sindaco de Magistris e l’assessore al personale Moxedano abbiano la sensibilità e la responsabilità di voler rasserenare l’ambiente ascoltando le ragioni di tutti. Se non si salda subito la frattura, diventerà insanabile, pregiudicando in modo irreversibile il futuro del corpo della Polizia Municipale di Napoli». Il segretario regionale Uil funzione pubblica Martorano chiede al sindaco di aprire una inchiesta «per stabilire la responsabilità sul blocco delle progressioni verticali che stamani, in una prima sessione mattutina, aveva visto convogliarsi al Centro Polifunzionale di Soccavo circa 800 vigili, altri 500 dovevano portarvisi alle ore 14. Di fatto le prove per le selezioni volte alle progressioni verticali per agenti e per istruttori direttivi di vigilanza sono state sospese e rimandate a data da destinarsi».

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com