Circondarono poliziotti per impedire un arresto: fermate 5 persone

NAPOLI- Questa mattina, nell’ambito di indagini coordinate dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli Nord, la Polizia di Stato di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip presso il Tribunale di Napoli Nord, a carico di 5  persone. I cinque sono accusati dei reati di porto e detenzione abusiva di armi,  violenza e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale perché avrebbero  partecipato – lo scorso 4 maggio, al Parco Verde di Caivano – alla violenta aggressione ai danni di appartenenti al Commissariatodi Afragola che tentavano di arrestare un uomo sorpreso in possesso di due pistole e di 45 proiettili.

Nel pomeriggio di quel giorno, personale della Squadra Investigativa del Commissariato di Afragola, impegnato in un servizio finalizzato alla prevenzione e contrasto dello spaccio di stupefacenti nell’area denominata Isolato B4/4, notava un individuo che, dopo aver armeggiato nei pressi di un tombino, cercava di allontanarsi a bordo di uno scooter. Bloccato l’individuo, i poliziotti recuperavano all’interno del tombino un borsello contenente due revolver e 45 proiettili calibro 9×21. L’individuo bloccato allora aggrediva repentinamente gli agenti e riusciva a darsi alla fuga, ma, inseguito dagli operanti, veniva  nuovamente bloccato.

A questo punto si materializzavano circa 50 persone che, agendo con particolare violenza, si frapponevano tra i poliziotti e il fermato, rendendone possibile l’ulteriore e definitiva fuga e costringendo il personale della Polizia di Stato ad allontanarsi, per evitare ulteriori e più gravi conseguenze. Le pistole e i proiettili venivano comunque sequestrati. Due componenti della pattuglia della Polizia di Stato erano costretti a ricorrere alle cure del personale sanitario dell’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore, da dove venivano dimessi con lesioni giudicate guaribili in giorni 7.

Successive indagini consentivano di identificare la persona in possesso delle armi e altre quattro (tutte colpite dal provvedimento cautelare oggi eseguito) identificate come   principali componenti del folto gruppo di facinorosi che, con il proprio comportamento violento e minaccioso, avevano reso possibile la fuga del fermato e cagionato le lesioni al personale della Polizia di Stato. La misura cautelare  è stato eseguita dal personale del Commissariato di Afragola e della Squadra Mobile di Napoli.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com