Roghi tossici, arrestati tre giovani sorpresi a incendiare rifiuti speciali pericolosi

QUALIANO- Ieri, nell’ambito di un servizio ad alto impatto disposto dai carabinieri del Gruppo di Castello di Cisterna nei comuni della fascia nord della provincia di Napoli, in via Ripuaria a Qualiano i carabinieri della Compagnia di Giugliano in Campania hanno arrestato: Luigi Criscuolo, 22enne di Qualiano, Emanuele Criscuolo, 19enne di Qualiano e Giuseppe Nugnes, 19enne napoletano, perché ritenuti responsabili di combustione illecita di rifiuti (art.26 bis commi 1 e 4 del D.Lvo. 152/2006). Seguendo una colonna di fumo vista a distanza nelle campagne di Qualiano, gli operanti hanno sorpreso i tre, in un appezzamento di terreno di proprietà della famiglia Criscuolo, intenti a dare fuoco a un grosso cumulo di rifiuti, tra cui plastica, ferro, guaine, pneumatici, pezzi di mobili, e altro materiale con rivestimento plastificato. I carabinieri intervenuti per impedire che l’incendio si propagasse agli altri rifiuti si sono procurati dei secchi e prendendo dell’acqua da una cisterna poco distante hanno spento le fiamme. L’area è stata sottoposta a sequestro. Per gli arrestati il pm della Procura Napoli Nord ha disposto gli arresti domiciliari. Oggi saranno processati per direttissima.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online