Gara di solidarietà on line per portare in piscina bimbi disabili nel Nolano

NOLA (Nello Lauro Il Mattino.it) – Una corsa contro il tempo nella corsia della solidarietà. E’ quella che stanno affrontando in rete i promotori del progetto “Acqua senza barriere”, una iniziativa che punta ad avvicinare i bambini disabili del Nolano all’acqua ed agli sport acquatici per poter superare a colpi di bracciate le grandi difficoltà a cui la vita li ha posti dinanzi. Per realizzare questo progetto ideato da “Bimboscuola” col supporto dell’associazione “Il Cielo di Sara” di Nola servono però 7500 euro in meno di un mese, somma necessaria per potere acquistare attrezzature, affittare spazi, formare tutor: per questo in rete è partita da qualche giorno la gara di contributi. Al momento, il progetto nolano naviga in acque alte: sono stati raccolti solo 280 euro, ma mancano ancora 32 giorni. Sul sito “Ogni sport oltre” (https://progetti.ognisportoltre.it/projects/133-acqua-senza-barriere) è possibile dare il proprio contributo e verificare quanto manca al raggiungimento dell’obiettivo finale che è quello di avvicinare i ragazzi dai 6 ai 14 anni al nuoto insieme alle famiglie grazie al supporto di tutor formati e con la vicinanza dei familiari. Un’idea semplice, che parte dallo slogan “l’acqua è democrazia”: tutti in acqua siamo uguali e quelli che su terra ferma sono ostacoli insormontabili, in piscina vengono annullati. Il progetto, che riguarderà i giovanissimi portatori di handicap del Nolano, combina l’idrochinesiterapia e la terapia multidisciplinare in acqua al gioco. Un binomio efficace e già sperimentato dai volontari nolani sui piccoli allievi delle scuole di Nola che hanno disabilità diverse. Per loro, il raggiungimento del finanziamento sarebbe un doppio traguardo. Se le donazioni arriveranno a 7500 euro, saranno raddoppiate. E il crowdfounding andrà a buon fine, potranno far salpare la loro iniziativa in acque tranquille. E senza barriere.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online