Blitz della Finanza e della Capitaneria di porto: sequestrati 3 autolavaggi fuorilegge nel Vesuviano

PORTICI – Triplice sequestro dell’area vesuviana. Nel quadro della costante attività di controllo del territorio finalizzata anche alla prevenzione e repressione degli illeciti di natura ambientale volti a riscontrare l’iter di smaltimento degli scarti di lavorazione, l’illecita immissione di acque sporche nella pubblica fognatura, tutelare la balneabilità delle acque e la salute pubblica, i finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Napoli e in particolare della compagnia di Portici, congiuntamente a personale della capitaneria di porto di Torre del Greco e con l’ausilio del personale tecnico specializzato dell’Arpa campania e della Gori (gestore del servizio idrico integrato dell’ente d’ambito sarnese vesuviano), hanno sequestrato a San Giorgio a Cremano 3 autolavaggi, denunciando i rispettivi rappresentanti legali, perchè sprovvisti di titolo abilitativo di natura ambientale (Aua), necessario per l’immissione dei reflui di natura industriale in pubblica fognatura, nonché per gestione illecita di rifiuti speciali prodotti durante il ciclo lavorativo (stracci, bombolette spray, contenitori per saponi). Nel corso dei diversi interventi eseguiti sono anche comminate varie sanzioni amministrative sia nel settore ambientale che tributario, anche nei confronti di ulteriori 2 autolavaggi, per “irregolare tenuta del registro di carico e scarico rifiuti”, scarichi di acque reflue industriali in fogna, riscontrata presenza di un lavoratore irregolare, omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali dall’anno 2014 con conseguenti accertamenti di natura tributaria, nonché pagamenti in nero per la locazione di un immobile.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online