Camposano: Prefettura boccia il bilancio, Rescigno (FdI): è finanza creativa

camposano

Carmela Rescigno

CAMPOSANO- La prefettura di Napoli ha “bocciato” il bilancio del Comune di Camposano rispedendolo al mittente con la diffida a provvedere alla verifica degli equilibri di bilancio ed a ristabilire, se necessario, l’equilibrio finanziario. La nota prefettizia risale allo scorso 10 agosto ed è relativa alla approvazione del riequilibrio di bilancio da parte della maggioranza consiliare  avvenuta il primo agosto. Il documento contabile ha ricevuto, prima che arrivasse la diffida dell’Ufficio territoriale del Governo, la valutazione negativa del responsabile finanziario dell’ente camposanese e dell’organo revisore contabile mentre il segretario comunale ha chiesto con una nota l’adozione di “provvedimenti di salvaguardia”. Un vero e proprio caso su cui interviene  Carmela Rescigno, consigliere di minoranza e dirigente nazionale di Fratelli d’Italia che solleva dubbi sulla regolarità dell’atto perché sarebbe caratterizzato, scrive, da “entrate inesistenti, calcoli sbagliati e finanza creativa”. “A distanza di un mese, vediamo riconosciute le nostre denunce” spiega Rescigno. La Prefettura ha diffidato il Comune a riformulare l’atto per il riequilibrio, palesemente illegittimo. E anche il segretario comunale e responsabile finanziario del Comune di Camposano certificano l’irregolarità dell’atto. “Il sindaco Francesco Barbato continua a mentire ai cittadini rischiando di trascinare l’ente verso il dissesto. Faccio appello alla responsabilità dei consiglieri: fermatevi prima che sia troppo tardi. Per voi, che ne risponderete davanti la Corte dei Conte. Ma soprattutto per i cittadini di Camposano continua Rescigno. Intanto, ora il Consiglio Comune entro gli inizi di settembre  in base alla diffida della prefettura dovrà riapprovare il riequilibrio.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com