Chiusura pronto soccorso a Sant’Agata dei Goti, Pedicini interroga Commissione Europea: decisione contro i principi di assistenza sanitaria

Una interrogazione alla Commissione europea per salvare il pronto soccorso del presidio ospedaliero “Sant’Alfonso Maria de’ Liguori” a Sant’Agata dei Goti in provincia di Benevento. E’ stata presentata dall’eurodeputato del M5S Piernicola Pedicini che vuole conoscere il destino della struttura di I livello della rete dell’emergenza con Pronto Soccorso e Terapia Intensiva annessa all’azienda ospedaliera “Rummo” di Benevento con decreto regionale del commissario straordinario della Regione Campania per motivi di sostenibilità di bilancio. “A Sant’Agata dei Goti  che ha un’utenza ampia – circa 80mila abitanti – rappresentata dagli abitanti della Valle Telesina e della Valle Caudina, chiuderebbe il pronto soccorso e i pazienti in urgenza sarebbero trasportati a Benevento percorrendo oltre 50 chilometri di strada stradale tortuosa, trafficata e danneggiata, impiegando circa 55 minuti”  – scrive Pedicini.  “Un lasso di tempo che si è rivelato fatale, come riportano gli organi di stampa, lo scorso 14 settembre per un operaio sorpreso da arresto cardiocircolatorio proprio a Sant’Agata dei Goti e con il rischio concreto di altri episodi che potrebbero verificarsi considerato che nel caso di emergenze di tipo cardiaco 55 minuti sono un’infinità”. “L’uomo assistito dal personale di soccorso mobile è deceduto durante il tragitto verso il nosocomio di Benevento non ricevendo, i soccorritori, comunicazioni ufficiali sulla possibilità di appoggiarsi all’ospedale locale”. Una situazione che preoccupa, in netto contrasto con le disposizioni del Consiglio dell’Unione Europea che invitava già nel 2014 nelle sue conclusioni sull’assistenza sanitaria “a continuare a migliorare l’accesso a servizi di assistenza sanitaria di qualità̀ elevata”. “Ritiene la Commissione – interroga l’onorevole pentastellato Piernicola Pedicini – che la decisione che potrebbe far chiudere il pronto soccorso a Sant’Agata dei Goti costringendo i pazienti soccorsi in urgenza ad essere trasportati a 50 chilometri  di distanza in condizioni difficili, non mini il diritto a godere dei livelli minimi di assistenza sanitaria e vada in senso contrario alle raccomandazioni del Consiglio Europeo”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com