Termovalorizzatore Acerra fermo, scelti i siti di trasferenza

Si è conclusa in modo unanime la conferenza dei servizi convocata dalla Regione Campania, con la partecipazione della città Metropolitana di Napoli delle province e delle rispettive società provinciali per la raccolta dei rifiuti per affrontare il periodo di un mese di stop per manutenzione del termovalorizzatore di Acerra. Grazie alle gare espletate dalle società provinciali, dalla A2a e dalla Regione Campania, spiegano dall’ente regionale, 40.000 tonnellate saranno evacuate fuori Regione nel periodo del fermo del termovalorizzatore. Le restanti 42.000 tonnellate saranno destinate a depositi temporanei per un periodo non superiore a 90 giorni. I depositi temporanei sono distribuiti nelle diverse province, secondo il principio di prossimità. I siti individuati sono Casalduni, Caivano, San Tammaro, Polla, per un quantitativo complessivo pari al 70% del fabbisogno. Non c’è Marigliano che era presente in un primo momento: ipotesi che aveva fatto insorgere comitati e residenti. Per il restante 30% saranno utilizzate aree ubicate all’interno degli stir esistenti in Regione.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com