Campania, fase 2: riaprono i circoli ricreativi, ma non si può giocare a carte

Giocare a biliardo e a bocce? Sì, ma disinfettando ogni oggetto, mantenendo la distanza interpersonale di un metro e “riducendo il numero di persone che manipolano gli stessi strumenti” ad esempio “predisponendo turni di gioco e squadre a composizione fissa”. La Regione Campania riapre anche i circoli ricreativi e culturali, e prevede una serie di indicazioni molto dettagliate sulle modalità di funzionamento in fase 2: tra le altre il divieto all’uso di carte da gioco e di tutti gli strumenti che non possano essere disinfettati al cambio di mano. Occorre anche – si legge in un allegato all’ordinanza firmata dal presidente De Luca – “riorganizzare gli spazi, i percorsi e il programma di attività in modo da assicurare il mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro (2 metri in caso di attività fisica)”, nonché “privilegiare attività a piccoli gruppi di persone, garantendo sempre il rispetto della distanza interpersonale anche durante le attività di tipo ludico”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online