Ospedale di Nola trasformato in presidio covid: proteste e petizione popolare

NOLA (Nello Lauro) – Sempre più difficile la situazione all’ospedale Santa Maria la Pietà di Nola. Da ieri circola con insistenza la voce che il presidio ospedaliero con un bacino di 500mila persone possa trasformarsi in “Covid hospital”.  Una iniziativa partita dalla direzione generale che ha visto precipitare la situazione dopo i tanti casi di covid-19 (attualmente ci sono 18 ricoverati) tra medici, infermieri e pazienti che ha costretto più volte alla chiusura il pronto soccorso nolano con le ambulanze costrette a trasportare i malati in altre strutture e con lo spostamento di personale sanitario da altri reparti per coprire le assenze di diversi colleghi. In tanti tra politici e cittadini stanno chiedendo a gran voce di non fare questa operazione che priverebbe l’intera area di un importante presidio sanitario. Alle 15 ci sarà una riunione tra sindaci dell’area in video conferenza sulla tematica ospedale di Nola (a Camposano e Comiziano le opposizioni hanno chiesto consiglio comunale ad hoc). Nelle ultime ore è stata anche una petizione popolare: “Opponiamoci con forza alla trasformazione dell’ospedale di Nola “Santa Maria della Pietà” in “Covid Hospital”. E’ vero – si legge che la curva epidemiologica è in forte aumento su tutto il territorio regionale, ma devono essere trovate soluzioni alternative. L’ospedale di Nola serve un’utenza vastissima di circa 500.000 abitanti e chiudere l’ospedale con il servizio di Pronto Soccorso e tutti i reparti è un fatto grave  e pericolosissimo e significherebbe una tragedia nella tragedia. Come cittadini di Nola e dell’intera area nolana dobbiamo far sentire la nostra voce”.

 

la petizione è qui: https://www.change.org/p/comune-di-nola-l-ospedale-di-nola-non-si-tocca-attiviamoci-tutti-38c6fbdd-0b9e-46ea-9be6-9c30b77fea09 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online