Fusti pericolosi e cardellini intrappolati nel liquame: scatta denuncia

La sicurezza ambientale è il focus del servizio a largo raggio messo in atto a Caivano dai carabinieri forestali della stazione di Napoli. Denunciato a piede libero per disastro ambientale, gestione di rifiuti pericolosi e getto di cose pericolose l’amministratore unico di un’azienda in località Casolla che si occupa di produzione di tende da esterno. I carabinieri forestali hanno constatato che l’imprenditore aveva smaltito illecitamente dei rifiuti pericolosi liquidi.

Vernici, solventi e grasso direttamente nelle campagne vicine, a ridosso delle coltivazioni. Rifiuti sversati negli orti, un’immagine così forte da far ipotizzare ai militari forestali un’alterazione irreversibile dell’equilibrio dell’eco-sistema. Durante il sopralluogo tre cardellini – una specie protetta – sono stati trovati intrappolati nei liquidi sversati illecitamente tra le verdure. I carabinieri li hanno liberati, puliti e dopo avergli prestato le cure necessarie li hanno lasciati volare.

Nel corso dell’intervento, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 30 fusti con all’interno i rifiuti pericolosi in un’area di circa 100 metri quadrati. Cinque di questi erano vuoti, il loro contenuto riversato sulle colture. Sequestrato anche tutto il piazzale antistante l’azienda con all’interno rifiuti per un totale di circa 300 metri cubi. Per l’imprenditore anche sanzioni per poco più di 4mila euro.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online