sabato, Marzo 2, 2024
spot_imgspot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Appalti truccati a Palma Campania: prefetto sospende il sindaco

Il prefetto di Napoli, Michele Di Bari, a seguito dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’autorità giudiziaria nei confronti, tra l’altro, del sindaco del comune di Palma Campania, ha accertato la sussistenza a carico del primo cittadino della causa di sospensione di diritto dalla carica. Pertanto – si spiega in una nota diramata dalla Prefettura – “ai sensi della vigente normativa sugli enti locali, il sindaco viene sostituito in tutte le sue funzioni dal vice sindaco”. L’attuale vice di Donnarumma è Italia Ferraro

“CHI E'” IL SINDACO – Aniello Donnarumma, per gli amici ‘Nello’, il giovane sindaco di Palma Campania finito agli arresti domiciliari nell’ambito di una inchiesta su presunte irregolarità negli appalti comunali, è una figura in ascesa della politica regionale. Nato ad Avellino 38 anni fa, è al suo secondo mandato: eletto sindaco nel 2018 alla guida di una lista civica di centrodestra, è stato confermato la primavera scorsa con il 64,2 per cento dei consensi. Ha aderito a Fratelli d’Italia e ricopre la carica di vicecommissario provinciale del partito di Napoli: è considerato tra i possibili candidati al ruolo di coordinatore provinciale, quando si celebrerà il prossimo congresso locale del partito. A un anno dalla sua prima elezione, nel 2019, Donnarumma varò un piano di incentivi all’apertura di nuovi negozi nel centro storico: tra i requisiti per l’accesso insegne in italiano, conoscenza della lingua nazionale, per gli alimentari vendita di prodotti la cui provenienza fosse riconducibile al territorio regionale. A quell’epoca a Palma Campania, piccolo centro di 15mila abitanti, risiedevano almeno 3500 immigrati, in maggioranza provenienti dal Bangladesh e spesso impegnati proprio in attività commerciali. “Vogliamo riqualificare il centro storico – spiegò allora il primo cittadino – valorizzarlo con esercizi di qualità che puntino sulle eccellenze del territorio. Nessuna discriminazione verso gli immigrati, chi rispetta le regole non avrà alcun problema. Non vedo cosa ci sia di male a chiedere che chi gestisce un negozio parli italiano e esponga insegne in italiano”.

LA SOLIDARIETÀ – “I consiglieri comunali di maggioranza e gli assessori, in relazione alle vicende giudiziarie odierne, esprimono solidarietà e vicinanza al sindaco. Confidando nell’operato della magistratura, auspicano una rapida definizione della vicenda giudiziaria, convinti che Nello Donnarumma chiarirà, quanto prima, la propria posizione innanzi alla autorità giudiziaria”. E’ quanto si legge in una nota, riguardo all’arresto del sindaco di Palma Campania.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com