sabato, Giugno 15, 2024
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Crolla solaio e precipita da dieci metri: muore operaio 54enne

Incidente sul lavoro questa mattina a Carinaro, nell’area industriale, dove un lavoratore di 54 anni, Domenico Pierbenansi, originario di Frattamaggiore, è morto dopo un volo di dieci metri. L’uomo era sul tetto del capannone di un’azienda di infissi, impegnato per conto di un’altra ditta, la cui sede è ad Orta di Atella, nella messa in posa di pannelli solari, quando per cause in corso di accertamento, il solaio ha ceduto ed è caduto nel vuoto finendo violentemente a terra. Il lavoratore è morto sul colpo. Sul posto i poliziotti del Commissariato di Aversa, il pm di turno della Procura di Napoli Nord, che ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo, gli ispettori del lavoro e i tecnici dell’Asl di Caserta. Sono in corso verifiche circa la posizione contrattuale del 64enne, che dai primi riscontri pare non avesse alcun contratto, forse perché imparentato con i titolari dell’azienda di pannelli solari; gli inquirenti stanno accertando anche se il lavoratore indossasse dispositivi efficaci per la sicurezza.

LE REAZIONI – “Stiamo assistendo a una strage senza fine che ogni giorno porta via troppe vite e distrugge troppe famiglie e comunità”. Così il leader dell’Ugl Paolo Capone. “Crediamo che fatti simili – sottolinea – su cui è importante fare luce e chiarire le possibili responsabilità, ci inducano a dire, con ancor più convinzione quanto la prevenzione dei rischi sul posto di lavoro sia centrale. Serve investire più risorse sulla formazione dei lavoratori e soprattutto sull’educazione alla sicurezza fin dal percorso scolastico. Laddove vengano riscontrate violazioni delle norme di sicurezza, le sanzioni vanno rese più severe perché la tutela dei lavoratori deve essere la priorità delle aziende e non una voce del bilancio su cui risparmiare. Per questo motivo, l’Ugl chiede anche che l’organico degli ispettori di vigilanza sia aumentato. Il lavoro deve essere un diritto e non una causa di morte”.

“Non bastano più le parole occorre un intervento urgente, immediato, efficace da parte del Governo. In questo Paese, come affermato dal Presidente Mattarella, va affrontata l’emergenza e per noi va avviata una campagna eccezionale di controlli e prevenzione avvalendosi di tutti i funzionari pubblici che possono agire”. Cosi il segretario generale Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci, commentando l’incidente mortale avvenuto a Carinaro. “Decretare provvedimenti con carattere d’urgenza, individuare responsabilità anche attribuendo altre competenze ai comitati provinciali coordinati dai Prefetti, intervenire sul sistema delle aziende limitando nel frattempo l’utilizzo dei subappalti e la precarietà, introdurre l’obbligo di formazione ad ogni inizio attività. Il sindacato – afferma Ricci – non si tira indietro sui livelli di sicurezza ma allo stesso tempo non è presente in tutti i luoghi di lavoro ma da tempo ha proposto tante azioni e correttivi. Il cambiamento deve essere politico e culturale: la dignità e il valore della vita dei lavoratori – conclude – non può essere barattata o attendere oltre”.

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com