Ospedale di Nola, nuovo pronto soccorso nel caos: chiesta l’indagine amministrativa

mediciNOLA- (di Bianca Bianco)Ispezione amministrativa all’ospedale di Nola. Lo chiedono i sindacati dopo le polemiche seguite alla lettera di un dirigente medico al manager dell’Asl Napoli 3 Sud: missiva che evidenziava le numerose e a volte paradossali lacune del Pronto soccorso. La struttura per l’emergenza sanitaria, non ancora inaugurata e oggetto di continui rinvii e ritardi nei lavori- presenta per i medici una serie di carenze che sono state rappresentate ai vertici dell’azienda sanitaria.

Tra le… emergenze del reparto emergenze si annoverano la carenza di locali ad uso medicheria, per la conservazione e preparazione farmaci ed esecuzione
prelievi, l’assenza di postazione rete, per la compilazione informatica della cartella di pronto soccorso, l’assenza della medicheria, per il controllo infermieristico, presidi farmaceutici e di emergenza.  Inoltre dal punto di vista logistico, nella lettera del dirigente medico venivano sottolineate alcune “stranezze”: il locale monitoraggio pazienti in osservazione breve intensiva e pazienti in codice rosso, è ubicato all’esterno di  entrambi non consentendo un rapido intervento nei casi di necessità; manca la sala per rx d’urgenza, in quanto i pazienti per accedere alla radiologia devono attraversare tutta la zona dei codici rossi, passare nella hall principale, passare innanzi al bar,  per poter eseguire le indagini radiologiche; non è previsto alcun percorso breve per pazienti pediatrici e ginecologici, di conseguenza per accedere ai piani superiori il percorso obbligato è quello appena descritto; non è prevista inoltre, nella sala per codici gialli e rossi alcuna medicheria, per i voluminosi
presidi di emergenza.

Problematiche e criticità che hanno creato nuove polemiche intorno al già martoriato nosocomio nolano ed hanno spinto i sindacati (Fsi, Fials) a chiedere l’invio dell’ispezione amministrativa “per far luce su tale vicenda e nel caso in cui fossero evidenziate negligenze, incuria o dolo da parte dei responsabili dei lavori di adottare i necessari provvedimenti del caso”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online