Rapinano medico sulla Statale del Vesuvio, uno dei banditi arrestato e poi ricoverato per malore

POMIGLIANO- Controlli serrati della Polizia di Stato, scattati a Portici  a seguito della recrudescenza di scorribande che, tre giorni fa, con un colpo d’arma da fuoco vagante, hanno stroncato la vita di un pensionato, hanno consentito agli agenti del Commissariato di “Portici Ercolano”di sottoporre a fermo Vincenzo Caccavo, di 22 anni.

Il giovane, ritenuto gravemente indiziato dei reati di rapina aggravata, ricettazione, resistenza ed oltraggio, in concorso con altra persona attivamente ricercata, ieri, in qualità di passeggero, era a bordo di una moto Yamaha T-Max, risultata rapinata, ieri sera, a Pomigliano d’Arco. Gli agenti hanno intercettato la moto in Corso Garibaldi e gli occupanti, incuranti dell’Alt Polizia, hanno iniziato una folle corsa al fine di sfuggire al controllo. Dopo un lungo inseguimento, protrattosi sino in Via delle Repubbliche Marinare il conducente, a seguito di manovre azzardate e pericolose, ha perso il controllo del mezzo. Benché i due fossero caduti a terra, rialzatisi, hanno proseguito la fuga a piedi riuscendo ad arrampicarsi ad un muro di cinta di un parco condominiale, ove i poliziotti riuscivano a bloccare il 22enne, mentre il complice riusciva a fuggire.

La moto, è risultata frutto di rapina, avvenuta nella serata di ieri sulla SS 268 del Vesuvio, dove la vittima, un operatore sanitario, era stata avvicinato da 5 giovani, di cui due armati di pistola, viaggianti a bordo di 3 scooter. Dopo aver condotto il giovane 22enne negli uffici del Commissariato  è sopraggiunto un commerciante per denunciare una rapina subita in mattinata ad opera di 2 giovani, a bordo di una moto T-Max, della quale aveva rilevato parzialmente la targa, uguale a quella della  moto sequestrata dai poliziotti in Via delle Repubbliche Marinare.

La vittima, inoltre ha identificato il giovane fermato dai poliziotti, proprio mentre quest’ultimo, colto da uno stato di agitazione, usciva dal Commissariato per essere soccorso da personale del 118, che lo conduceva in ospedale per accertamenti. Sono in corso ulteriori indagini al fine di accertare se il 22enne ed il complice, si sono resi responsabili di altre rapine.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online