Quarto, sindaco Capuozzo si dimette. Manfredi (Pd): città merita rispetto

QUARTO – Mi dimetto dalla carica di sindaco”. Così il sindaco di Quarto Rosa Capuozzo in conferenza stampa. “Non è una resa ma un gesto di responsabilità per Quarto”, ha aggiunto commossa. “Ho fatto giuramento e ho rispettato fin che ho potuto – ha aggiunto – gli altri quelli che si sono dimessi forse credevano di fare una gita fuori porta”. A giudizio del sindaco “questa è una sconfitta politica ma anche una vittoria della camorra”. “Mi sono sentita abbandonata da M5s ma si sono sentiti abbandonati tutti i cittadini di Quarto. Non è semplice – ha aggiunto – quello che stiamo affrontando in questo territorio, con il movimento accanto sarebbe stato più facile”.  “Con questo ennesimo colpo di scena si chiude una vicenda dolorosa che ha penalizzato i cittadini di Quarto che speravano finalmente di uscire dopo una lunga stagione commissariale da una  fase straordinaria che per necessità ha di fatto sospeso la democrazia politica locale”. Sono le parole del deputato Pd e membro della Commissione Antimafia, Massimiliano Manfredi.  “Il Movimento Cinque Stelle dopo una campagna elettorale durata mesi nell’unico Comune da loro governato che avrebbe dovuto dare vita ad un nuovo laboratorio politico campano, che  si è spinta a ricorrere fino al Consiglio di Stato per impedire la partecipazione democratica, nonostante ci fosse la necessità di ricostruire un tessuto democratico, ora scompare alla prima difficoltà lavandosi le mani con una dichiarazione piratesca ‘Il Movimento Cinque Stelle a Quarto non esiste più'”.  “Bene ha fatto la presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi – ha aggiunto Manfredi – a trasmettere alla Procura competente gli atti dell’audizione del sindaco di Quarto Rosa Capuozzo in cui sono emerse contraddizioni. Come ce ne sono state anche durante la conferenza stampa di oggi dove la stessa Capuozzo ha affermato che il direttorio sapeva ed ha avuto quindi precise responsabilità”. “Il nostro lavoro – ha concluso il deputato Pd – continuerà a prescindere da questa vicenda. L’esigenza ora è che tutte le forze politiche si impegnino per andare al voto a Quarto quanto prima con un’offerta politica profondamente rinnovata, ma competente per affrontare le peculiarità del territorio di Quarto”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online