No Banner to display

Camorra, polizia scopre bunker per latitanti nel feudo del clan Amato

NAPOLI – Un vero e proprio bunker dove nascondersi ed eludere i controlli delle forze dell’ordine. Lo hanno scoperto gli agenti del Commissariato di Polizia “Secondigliano, la cui attività è volta al contrasto del dilagante spaccio di sostanze stupefacenti nella zona. Dopo gli arresti operati nei giorni scorsi in un filone d’indagine riconducibile al clan Amato, l’attività ha condotto i poliziotti sino a Melito di Napoli dove, presso l’edilizia del comparto 219 di via Lussemburgo, hanno scoperto i cosiddetti “sistemi”, ovvero quei congegni elettronici a scomparsa e azionabili mediante un telecomando. Nei pressi della scala 8 dello stabile, i poliziotti hanno notato diverse persone e hanno proceduto a un controllo.

Le persone identificate sono risultate tutte pregiudicate per reati inerenti la legge sugli stupefacenti, circostanza che ha spinto i poliziotti ad effettuare un mirato controllo nello stabile. All’ultimo piano del palazzo, avendo notato delle anomalie al sottotetto, grazie ad una scala ad estrazione, sono riusciti ad accedere ad una botola della profondità di 50 centimetri ed alta un metro e mezzo. Tale nascondiglio, rifugio per chi è latitante per trovare riparo era provvisto di due maniglioni esterni, da una serratura elettronica azionabile con un telecomando, grazie alla presenza di un ricevitore di segnale, oltre ad avere la facoltà di chiudersi anche dall’interno. Nell’ispezionare il nascondiglio, gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato un borsello contenente la somma di 245 euro suddivisa in banconote di vario taglio, oltre ad una cinquantina di dosi di droga, ripartita in cocaina, hashish e marijuana.


No Banner to display








Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com