Comiziano, raid al cimitero: rubati portafiori in ottone di 90 tombe

COMIZIANO – (Nello Lauro – Il Mattino) – Non rispettano neanche il riposo dei defunti. I ladri di rame ed ottone, a caccia di metalli da rivendere al mercato nero, non finiscono più di indignare. Sprezzanti persino dei luoghi sacri come i cimiteri, dove ormai colpiscono in continuazione razziando arredi sacri e disturbando la quiete di un luogo di memoria e contemplazione. L’ultimo raid è andato a segno a Comiziano, ma il piccolo centro del Nolano, nemmeno duemila anime, è solo l’ultimo paese a finire nel mirino dei sacrileghi malintenzionati che hanno già sfregiato i camposanti di Nola, Saviano, Tufino, Cicciano lasciandosi alle spalle non solo danni ma anche il dolore di chi ha visto violata la pace di un congiunto. A Comiziano i banditi hanno seguito il solito copione. Si sono introdotti nel cimitero nottetempo preferendo l’entrata posteriore. Una volta all’interno, hanno depredato novanta tombe portando via centinaia di boccali e portafiori in rame ed ottone. Un lavoro chirurgico, i malviventi sono riusciti a portare via il loro bottino senza arrecare danni alle lapidi. Una magra consolazione per chi ha subito le conseguenze del raid e che ieri mattina ha scoperto quanto avvenuto al momento dell’apertura. Il sindaco di Comiziano Paolino Napolitano ha sporto denuncia presso la stazione dei carabinieri di Cicciano.  I militari, coordinati dal maresciallo Giuseppe Giudice, hanno effettuato i primi rilievi utili ad identificare la banda che ha colpito e stanno analizzando i frame delle telecamere di sorveglianza che sono installate nei dintorni. Potrebbe trattarsi di una banda specializzata, forse la stessa che ha colpito negli altri paesi dei Nolano. Il raid di Comiziano ha scatenato anche i commenti sui social di cittadini stanchi e infuriati per questo particolare tipo di crimine. Il consigliere comunale delegato a Innovazione e tecnologia di Comiziano Michele Miele commenta: “Siamo dispiaciuti, quanto avvenuto ferisce la nostra piccola comunità nel profondo. Proprio nei giorni scorsi abbiamo installato una decina di telecamere nei luoghi più sensibili di Comiziano tra cui il Comune, le scuole e le frazioni per evitare episodi di vandalismo e furti negli istituti avvenuti in passato, avere ancora più sicurezza e fornire un valido aiuto alle forze dell’ordine”.


Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com