Ferì bambino durante sparatoria di fine anno, arrestato 31enne

NAPOLI- Gli  agenti del commissariato San Giovanni a Teduccio hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, con provvedimento emesso dal gip del Tribunale di Napoli, a carico di Luigi Gitano,  31enne napoletano, già detenuto nella Casa Circondariale di Poggioreale, per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, detenzione illegale di armi e munizionamento, spari in luogo pubblico, tentato omicidio e ricettazione, reati commessi in concorso con altri e pertanto aggravati dal vincolo associativo. Lo scorso  31 dicembre del 2017,  un 12enne  fu ferito,  per fortuna in modo lieve, mentre  era affacciato al balcone dell’abitazione di alcuni parenti, in via Sorrento,   in attesa dei festeggiamenti di fine anno. Sulla strada furono rinvenuti 25  bossoli. Sul posto la polizia che effettuò controlli anche nell’abitazione di Gitano, sorvegliato speciale,  e lo trovarono sotto la doccia, circostanza che insospettì  non poco gli agenti, vista l’ora prossima alla mezzanotte di fine anno. Durante la perquisizione trovarono munizionamenti per armi da guerra e per  armi  comuni da sparo, compreso un silenziatore e,  sul pavimento degli indumenti che aveva indossato fino a poco prima che furono sottoposti alla prova dello stube. Inoltre lo stesso aveva un impianto di videosorveglianza a circuito chiuso, collegato con un televisore nella sua camerta d letto,  che gli consentiva di visionare interamente l’esterno dell’abitazione. Infine, c’era una finestra  aperta, con uno sgabello vicino sul quale erano evidenti le impronte di scarpe di qualcuno che si era allontanato  prima che gli agenti entrassero. Questo fece maturare il convincimento che  Gitano potesse essere ricondotto al ferimento del minore. In quella circostanza fu arrestato e condotto presso la casa circondariale di Poggioreale,  per violazione della sorveglianza speciale e per la detenzione di munizionamento da guerra. Dopo nuove indagini si è infine stabilito che Gitano è responsabile del ferimento del 12enne ed è stato raggiunto da nuova ordinanza per i reati di associazione a delinquere  di stampo camorristico, connessi al tentato omicidio  aggravato dal concorso con altri  ed alla detenzione di munizionamento illegale.

Print Friendly, PDF & Email