Bruciarono manichino per intimidire pentiti di camorra, 5 identificati a Castellammare

CASTELLAMARE DI STABIA – Istigazione a delinquere aggravata da finalità mafiose: e’ il reato che il gip di Napoli contesta a 5 persone (2 minorenni e 3 maggiorenni) che lo scorso 8 dicembre, per i festeggiamenti dell’Immacolata nel rione Savorito di Castellammare di Stabia, bruciarono, davanti alla folla, un manichino con un cappello delle forze dell’ordine e uno striscione con la scritta “Cosi’ devono morire i pentiti, abbruciati”. L’episodio avvenne nel quartiere della periferia stabiese noto come “Aranciata Faito”, abitato dalla famiglia criminale Imparato, detti i “Paglialoni”, fiancheggiatori del clan D’Alessandro.

 

Per gli inquirenti della Direzione Distrettuale Antimafia si tratto’ di un eloquente messaggio intimidatorio ai collaboratori di giustizia ma anche di un gesto di sostegno e al clan D’Alessandro che pochi giorni prima dei cosiddetti “fuocaracchi” dell’Immacolata era stato “colpito” da una serie di arresti della Polizia di Stato per reati commessi e ricostruiti proprio grazie alle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia. Le misure cautelari, nei confronti di Francesco Imparato, Antonio Artuso e Daniele Amendola, sono state notificate dagli agenti del Commissariato e dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata e della Compagnia di Castellammare di Stabia. Sui due minorenni sono in corso indagini coordinate dalla Procura della Repubblica dei Minorenni di Napoli.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com