Aggredirono e minacciarono avvocato del foro di Nola: arrestati

Lo avevano aggredito e minacciato con una pistola distruggendo il computer e portando via il cellulare. Per questo motivo a conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Nola, i carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare personale della custodia in carcere emessa dal gip del tribunale di Nola nei confronti di due indagati, un 49enne di Pozzuoli e un 37enne di Torre del Greco, poiché ritenuti responsabili in concorso dei delitti di tentata estorsione e rapina aggravati dall’uso di armi ai danni dell’avvocato del foro di Nola Andrea D’Alia vittima di una violenta aggressione nel suo studio legale di San Giuseppe Vesuviano.

Le indagini hanno consentito di raccogliere gravi, univoci e concordanti indizi di colpevolezza a carico dei due uomini in relazione all’aggressione dell’avvocato che dopo aver ricevuto presso il proprio studio i due indagati destinatari della odierna misura cautelare, veniva minacciato di morte con una pistola e schiaffeggiato affinché accettasse per conto del suo assistito, risultato vittorioso in una causa di lavoro con un riconoscimento di credito di oltre 40mila euro, la somma di 10.000 euro con rinuncia alla pretesa creditoria.

La mancata accettazione della proposta da parte dell’avvocato determinava la violenta reazione e l’illecita condotta dei due uomini che, prima di allontanarsi dallo studio, danneggiavano altresì il computer portatile della vittima e gli sottraevano il telefono cellulare.

Print Friendly, PDF & Email

TAG


Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com