Incassi record per gli estorsori della sosta a Natale, in strada 3000 parcheggiatori abusivi

Per le feste natalizie si prevedono incassi record per i parcheggiatori abusivi operanti nelle zone della movida, delle chiese e dei cinema di Napoli, i quali forti del gran numero di automobilisti in cerca di un posto auto tra il 24 ed il 25 sera per poter brindare nei locali notturni e dell’occasione festiva chiederanno cifre alte per la concessione del parcheggio. I Verdi campani hanno preparato un nuovo dossier per le forze dell’ordine. “La sera del 24 e la giornata del 25 – dice il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli – sono previsti incassi record per questi delinquenti. La presenza dei parcheggiatori è prevista nei locali che apriranno per i fatidici brindisi della Vigilia, a partire dai baretti e poi nei pressi delle chiese, dove si svolgerà la messa di mezzanotte fino ai locali che apriranno per le classiche feste notturne. Solo nella giornata del 24 ci saranno circa 3000 parcheggiatori abusivi a Napoli che chiederanno la media di 5 euro a macchina, fino ai 10 richiesti nei pressi dei baretti, di via Coroglio, a Fuorigrotta, al Centro Storico e sul Lungomare. Peggio ancora il 25, dove alcune aree pedonali sono state già assegnate dai clan a vari affiliati, ci riferiamo ad esempio a quella di Piazza dei Martiri, a diverse piazzette del Centro Storico, addirittura fuori al Duomo, a Piedigrotta. Il 25 i parcheggiatori abusivi saranno in massa fuori ai cinema napoletani a partire dal Med. Costerà più sostare che comprare il biglietto. Anche nel giorno di Natale, solo a Napoli, sono previsti circa 3000 abusivi sempre con cifre tra i 5 e i 10 euro a macchina, mentre 3 euro saranno chiesti per gli scooter. L’incasso medio ad abusivo è stimato intorno ai 1000 euro per i 2 giorni. In poche parole tra delinquenti e affiliati i giorni del 24 e 25 incasseranno circa 6 milioni di euro. Abbiamo inviato una nota a tutte le istituzioni e forze di polizia per rafforzare i controlli nelle zone calde ed evitare ulteriori estorsioni sui nostri territori. Anche in provincia è previsto fuori le chiese e i locali notturni una presenza organizzata e militarizzata degli abusivi.”

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online