Pazienti con il tumore dirottate in clinica privata, sospeso primario del “Pascale”

Operava privatamente pazienti affette da tumore al seno un medico del “Pascale” di Napoli, affermando che era impossibile eseguire in tempi brevi l’intervento. A Raffaele Tortoriello, 61enne dirigente medico dell’istituto per i tumori “Pascale” i poliziotti del commissariato Arenella ed i carabinieri del Nas hanno notificato stamattina un’ordinanza di sospensione dall’ufficio di medico ospedaliero per 12 mesi del gip del Tribunale di Napoli. A Tortoriello vengono contestati quattro episodi di concussione posti in essere, negli anni, nella sua qualità di pubblico ufficiale (ovvero di dirigente medico), ai danni di quattro pazienti affette da neoplasie al seno, realizzate attraverso la prospettazione dell’urgenza dell’intervento chirurgico e dell’impossibilità di eseguirlo in tempi brevi presso l’istituto tumori Pascale di Napoli, con la conseguente necessità ad essere da lui stesso operate privatamente e a pagamento presso la clinica privata Posillipo di Napoli. Il gip ha invece respinto la richiesta di applicazione della misura cautelare nei confronti del dottor Rocco Cerra, indagato insieme al collega Tortoriello per le stesse ipotesi di concussione.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online