Orrore ad Ercolano: cane ucciso a colpi d’arma da fuoco

Un cane randagio è stato trovato morto, ucciso a causa di ferite d’arma da fuoco, nella serata di ieri ad Ercolano. I carabinieri della locale tenenza sono intervenuti in via della Barcaiola. Lì – in un terreno incolto – due cittadini del posto impegnati nel volontariato avevano trovato un cane randagio (del quale avevano tentato di prendersi cura) morto a causa di ferite da arma da fuoco. Sul posto anche i medici dell’Asl veterinaria Napoli 3 Sud di Portici per la successiva autopsia. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri per ricostruire l’esatta dinamica dell’evento. “Chi ha commesso un simile atto deve solo vergognarsi” commenta il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto. ”Il mio appello è rivolto alle associazioni territoriali, ai volontari, a quanti si lasciano amare e sorprendere dai nostri amici a quattro zampe: abbiatene sempre cura e grazie per quanto fate ogni giorno. Adottateli se ne avete la possibilità . Invito i cittadini tutti, a segnalare sempre alle forze dell’ordine, l’avvistamento di cani randagi o abbandonati”. “Resto senza parole per quanto è accaduto ad Ercolano ieri sera. Un cane randagio è stato ucciso a colpi di pistola. A sangue freddo, senza motivo. Un gesto disumano e brutale. Mi chiedo come sia possibile tutto questo e mi auguro che al più presto possano essere individuati e puniti i responsabili di questa barbarie”. Lo dichiara Michele Schiano di Visconti, capogruppo di Fratelli d’Italia al consiglio regionale della Campania.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online