M5S, Conte vs DiMaio: gli effetti della scissione in Campania

Le fibrillazioni legate alla scissione nel Movimento 5 Stelle potrebbero avere ripercussioni in tempi brevi all’interno delle istituzioni locali in Campania, con un effetto sia sugli assetti politici già  consolidati che in alcuni casi sulle giunte.

In Regione sono sicuramente passati con Di Maio e il suo neo gruppo ‘Insieme per il futuro’ sia Valeria Ciarambino, legata politicamente da tempo al ministro degli Esteri, che Salvatore Aversano. Nelle ultime ore si è diffusa la voce dell’adesione del consigliere regionale Luigi Cirillo mentre sarebbe in corso una riflessione da parte di Gennaro Saiello. Resterebbero sicuramente con i 5 Stelle sia Michele Cammarano che Vincenzo Ciampi. In queste ore si parla anche di un passaggio in maggioranza dei dimaiani mentre finora in Campania i 5 Stelle erano stati all’opposizione di De Luca, posizione ribadita senza mezzi termini dal leader Giuseppe Conte nell’ultimo tour durante le amministrative. Un passaggio in maggioranza che sarebbe ancora più clamoroso se si considerano gli attacchi frontali in passato riservati dalla stessa Ciarambino a De Luca e le risposte del governatore, che hanno suscitato più di una polemica per la loro asprezza.

Peraltro, un eventuale passaggio in maggioranza comporterebbe la necessità, per gli esponenti eletti con i 5 Stelle e ora con Di Maio, di lasciare gli incarichi ottenuti in qualità  di rappresentanti dell’opposizione. La Ciarambino, per esempio, occupa la vice presidenza del Consiglio su una delle poltrone che toccano alla minoranza. Così per Saiello, presidente della commissione Speciale, Industria 4.0. Mentre potrebbe restare al suo posto Cammarano, alla guida della commissione Aree interne e anch’essa di diritto dell’opposizione.

Al Comune di Napoli il gruppo di 6 consiglieri si è spaccato in due. Da un lato i fedelissimi del presidente della Camera, Roberto Fico, che sono Ciro Borriello, Claudio Cecere e Salvatore Fiocco. Dall’altro i dimaiani, Gennaro Demetri Paipais e Fiorella Saggese mentre è ancora in corso una riflessione da parte della vice presidente del Consiglio comunale, Flavia Sorrentino. Il gruppo dei consiglieri vicini al ministro degli Esteri potrebbe anche rivendicare una presenza nella giunta Manfredi. Attualmente ci sono due assessori per i 5 Stelle, Emanuela Ferrante e Luca Trapanese che non rappresentano più 6 consiglieri ma tre.

In provincia è in corso lo scouting dei consiglieri comunali da parte di alcuni dei deputati più legati a Di Maio. Molto significativo il passaggio in blocco dell’intero gruppo di consiglieri comunali di Pomigliano con Di Maio: un messaggio di sostegno arrivato dalla sua città  natale. Da capire cosa succederà  a Portici: in campagna elettorale Di Maio aveva espresso il suo sostegno al sindaco uscente e rieletto con un plebiscito, Cuomo, mentre Conte e Fico avevano appoggiato un candidato dei Verdi.

A Salerno restano “convintamente” nei 5 Stelle i due consiglieri comunali, Catello Lambiase e Claudia Pecoraro. Ad Avellino in Consiglio siede Ferdinando Picariello che resta con Conte mentre ad Ariano Irpino, secondo centro della provincia, si parla del passaggio di tre consiglieri a ‘Insieme per il futuro”, anche per la loro vicinanza al parlamentare Generoso Maraia.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online