Giovani e politica, da Visciano al Senato per incontrare la Casellati

VISCIANO (ads) – Un invito a palazzo Giustiniani per incontrare il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati. Un invito rivolto a Pellegrino Foglia, 19enne di Visciano che si è candidato lo scorso mese di giugno alla carica di consigliere comunale della sua città. Foglia racconta di aver ricevuto una raccomandata da parte della Presidenza del Senato, con la quale Alberti Casellati scriveva: “Mi ha molto colpito la scelta di candidarti alle elezioni amministrative della tua città , consapevole delle grandi fragilità e distorsioni del contesto territoriale … rinnovando il mio apprezzamento per la scelta di vivere i tuoi 19 anni all’insegna della speranza, della fiducia nelle tue capacità e della volontà di scommettere su un futuro di grandi prospettive per il nostro Paese e per la tua terra , per questi motivi sarei felice di incontrarti in Senato”.

Il 12 luglio a Palazzo Giustiniani a Roma, Foglia, accompagnato dal consigliere comunale di opposizione Giuseppe Gambardella, è stato ricevuto dal presidente, con cui “ho intrattenuto una piacevole conversazione su problematiche sociali, culturali e politiche del territorio e soprattutto dell’Italia, in un momento in cui era appena iniziata la crisi di governo”. “Non sono stato eletto nel mio comune – dice il 19enne – ma il presidente Casellati si è distaccato dal profilo politico nel suo senso stretto per dare spazio, in un incontro durato poco meno di un’ora, agli ideali di un ragazzo che si spende per il proprio territorio”.

Un orgoglio per il giovane che si è diplomato con lode quest’anno al liceo Carducci di Nola e si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza. Era stato proprio lui a scrivere al presidente del Senato per parlare della sua esperienza: “Sono un liceale e tra pochi giorni mi aspetta la prima prova più importante della vita, l’esame di Stato. … I miei ideali di libertà, giustizia, onestà, legalità mi hanno spinto a candidarmi alla carica di consigliere comunale per le prossime elezioni amministrative di Visciano, ed il 12 giugno mi aspetterà un’altra prova che andrà ad arricchire il mio bagaglio culturale e di esperienze a prescindere dagli esiti… Lo stereotipo secondo il quale i giovani devono restare a casa è una scusa mediocre, utilizzata quando si ha paura della realtà. Perché la mente di un giovane ragazzo, una mente libera e lontana dal compromesso è una mente che fa paura…”.

Pellegrino Foglia ha le idee chiare su quello che vorrà fare da grande, come ha ribadito anche nella sua lettera a Casellati: “Studio per diventare magistrato perché la mia è una terra martoriata, una terra di pochi vincitori e troppi vinti, una terra di omertà e di paure”. Così come è certo di voler continuare a fare politica: “La politica nel suo senso stretto, fatta da ideali quali la giustizia, l’equità, la libertà è parte della mia vita. Continuerò sempre perché io voglio e devo crederci in un radicale cambiamento, per me, per il mio paese, per la mia generazione e per l’Italia”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online