martedì, Giugno 18, 2024
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Mondiali 2022, Argentina campione nel mondo nel segno di Messi

Nel segno di Leo, nel nome di Diego: l’Argentina scrive la storia e si laurea Campione del Mondo per la terza volta, battendo la Francia in una pazza finale di Qatar 2022. Al Lusail Stadium decidono i calci di rigore dopo un pirotecnico 3-3, firmato dalla doppietta di Messi, dal sigillo di Di Maria e dalla pazzesca tripletta di Mbappe’, che si consola vincendo il titolo di capocannoniere del torneo con 8 gol (7 quelli del compagno al Psg). Dal dischetto decidono gli errori francesi di Coman (parato) e Tchouameni (fuori), mentre per la Seleccion non sbaglia nessuno su quattro tentativi.

La ‘Pulce’ alza quindi al cielo l’unica coppa che gli mancava da conquistare in carriera. Dopo essersela vista molto brutta, fa festa e piange di gioia l’Argentina, che sale sul tetto del mondo a 36 anni di distanza dall’ultima volta, quando a portarcela fu proprio quel Maradona che oggi, al primo Mondiale disputato dopo la sua scomparsa, stara’ sicuramente gioendo insieme al suo popolo e incoronando il suo ‘alter ego’ Messi, divenuto assoluta leggenda grazie a questo trionfo. Torna a casa a mani vuote invece la Francia, che non riesce a bissare Russia 2018 e quindi ad eguagliare Brasile ed Italia, uniche due nazionali a vincere due Mondiali di fila.

Poche le sorprese di formazione, l’unica e’ il ritorno da titolare di Di Maria tra le file dell’Albiceleste (mai scelta fu piu’ azzeccata): Scaloni disegna cosi’ un 4-3-3 con Emiliano Martinez in porta, Molina, Romero, Otamendi e Tagliafico in difesa, De Paul, Fernandez e Mac Allister a centrocampo, e proprio il calciatore della Juventus a completare il tridente d’attacco con Messi e Alvarez. Per Deschamps, invece, ritrovano una maglia dal primo minuto Upamecano e Rabiot, rispettivamente in difesa e a centrocampo dopo le assenze in semifinale. Per il resto tutto da programma, con Griezmann, Dembele e Mbappe’ a sostegno dell’unica punta Giroud. Il primo tempo e’ un assoluto dominio dell’Argentina sul piano tecnico-tattico, ma non solo: Messi e compagni scendono in campo con gli occhi iniettati di sangue, corrono il doppio pressando costantemente gli avversari e facendoli girare praticamente a vuoto. ‘El Dibu’ tra i pali non e’ mai chiamato in causa, mentre nella meta’ campo offensiva la Seleccion mette in mostra tutta la qualita’ del suo repertorio, che si era vista poco fino a questo punto del torneo.

La scelta di Di Maria titolare si rivela subito azzeccata da parte di Scaloni. L’uomo delle finali e dei gol pesanti (decisivo un suo sigillo nella finale di Copa America 2021 vinta con il Brasile), e’ uno dei piu’ scatenati e al 21′, facendosi beffe di Dembele, si conquista il calcio di rigore del vantaggio argentino. Ovviamente e’ Messi a spingere in rete ‘Al Hilm’ (‘Il Sogno’, questo il nome del pallone ideato da Adidas per semifinali e finali), facendo esplodere di gioia i numerosi tifosi argentini sugli spalti. La Francia non da’ mai la sensazione di poter imbastire la giusta reazione nel primo tempo, subendo al 36′ anche il gol del raddoppio dell’Albiceleste, nato da una splendida azione in ripartenza chiusa alla perfezione proprio da Di Maria su assist di Mac Allister. Bleus non pervenuti e Deschamps addirittura decide di operare due cambi al 41′, togliendo Giroud e Dembele’ ed inserendo Kolo Muani e Thuram.

Per gran parte della ripresa il copione sembra lo stesso del primo tempo, con l’Argentina che gestisce bene il comando delle operazioni provando un paio di volte a ripresentarsi pericolosamente dalle parti di Lloris, mentre la Francia non riesce a trovare le fiammate giuste per riaccendere il match. Non ci riesce fino a dieci minuti dalla fine, perche’ il calcio e’ strano e regala sempre incredibili sorprese: all’80’ Mbappe realizza il rigore del 2-1 conquistato da Kolo Muani (fallo di Otamendi), poi appena un paio di minuti piu’ tardi lo stesso attaccante del Psg, in sforbiciata, butta dentro il clamoroso 2-2 su assist di Thuram. Nel finale i francesi spingono anche alla ricerca dell’incredibile match point, ma la sfida si prolunga ai supplementari dove continua a succedere di tutto. Lautaro fallisce diverse chances, poi Messi al 109′ firma il 3-2 in tap-in riavvicinando la coppa in sudamerica. Al 118′ pero’ Mbappe’ realizza un altro calcio di rigore (fallo di mano di Montiel su un suo stesso tiro), riportando tutto in equilibrio a pochi istanti dalla fine dei supplementari. Prima dei rigori un’incredibile palla gol per parte nei minuti di recupero: Emiliano Martinez e’ miracoloso su Kolo Muani, sul fronte opposto Lautaro fallisce ancora di testa. Ai rigori per la Francia segnano Mbappe’ e Paredes ma sbagliano Coman (parata di Martinez) e Tchouameni (fuori). Tutti a segno gli argentini con Messi, Dybala, Paredes e Montiel, autore del gol che ha chiuso il mondiale. (foto sito Fifa-Getty Images)

IL TABELLINO 

ARGENTINA-FRANCIA 7-5 dopo i calci di rigore (3-3 al termine dei tempi regolamentari e dei tempi supplementari)

ARGENTINA (4-4-2): E.Martinez; Molina (1’pts Montiel), Romero, Otamendi, Tagliafico (16’sts Dybala); De Paul (12’pts Paredes), Fernandez, Mac Allister (11’sts Pezzella), Di Maria (19’st Acuna); Messi, Alvarez (12’pts Lautaro Martinez). In panchina: Armani, Rulli, Foyth, Palacios, Correa, Almada, Gomez, Rodriguez, Dybala, Lisandro Martinez. Allenatore: Scaloni.

FRANCIA (4-2-3-1): Lloris; Koundé (16’sts Disasi), Varane (8’sts Konaté), Upamecano, Hernandez (26’st Camavinga); Rabiot (6’pts Fofana), Tchouameni; Dembélé (41’pt Kolo Muani), Griezmann (26’st Coman), Mbappé; Giroud(41’pt Thuram). In panchina: Mandanda, Areola, Pavard, Disasi, Guendouzi, Veretout, Saliba. Allenatore: Deschamps.

ARBITRO: Marciniak (Polonia)

RETI: 23’pt (rig) e 3’sts Messi, 36’pt Di Maria, 35’st (rig), 36’st e 13’sts (rig) Mbappé.

SEQUENZA RIGORI: Mbappé (gol), Messi (gol), Coman (parato), Dybala (gol), Tchouaméni (fuori), Paredes (gol), Kolo Muani (gol), Montiel (gol). NOTE: cielo sereno, campo in buone condizioni.

Ammoniti: Fernandez, Rabiot, Thuram, Giroud (dalla panchina), Acuna, Paredes, Montiel. Angoli 6-5. Recupero 7′ pt, 8′ +1′ st.

 

I PREMI INDIVIDUALI – È Lionel Messi il miglior giocatore del Mondiale. Il capitano dell’Argentina conquista il titolo personale per la seconda volta in carriera, a 8 anni di distanza dalla prima volta. Il campione del Psg conclude il torneo con 7 gol all’attivo, secondo miglior realizzatore alle spalle del capocannoniere Mbappé, premiato grazie alle sue 8 reti. Va invece a Enzo Fernandez il premio come miglior giovane della competizione. Emiliano Martinez, oggi ancora decisivo, alza invece al titolo la coppa di miglior portiere.

L’ALBO D’ORO – Questo l’albo d’oro dei mondiali di calcio: 1930 Uruguay; 1934 ITALIA; 1938 ITALIA; 1950 Uruguay; 1954 Germania; 1958 Brasile; 1962 Brasile; 1966 Inghilterra; 1970 Brasile; 1974 Germania; 1978 Argentina; 1982 ITALIA; 1986 Argentina; 1990 Germania; 1994 Brasile; 1998 Francia; 2002 Brasile;  2006 ITALIA;  2010 Spagna; 2014 Germania;  2018 Francia; 2022 Argentina. Titoli conquistati: Brasile (5), ITALIA e Germania (4), Argentina (3), Francia e Uruguay (2), Spagna e Inghilterra (1).

 

 

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com