Coronavirus, scuole chiuse in Campania

Scuole chiuse per maltempo, sindaco dice no: “Pioggia e vento non sono motivi”

Scuole chiuse in diversi comuni della Campania per l’allerta meteo arancione diramato dalla Protezione Civile regionale e prorogata fino a giovedì. A Napoli, Benevento e Caserta i primi cittadini hanno disposto per oggi  con ordinanza “la chiusura di tutte le attività scolastiche e didattiche delle scuole cittadine pubbliche e private di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido”.

Molti altri sindaci hanno deciso, non senza polemica, di lasciare aperte le scuole. A Cesa, nel Casertano, il sindaco Enzo Guida ha deciso di non chiudere “E non per essere contro-corrente, ma perché non ne vedo le ragioni” spiega Guida. “Credo che abbiamo innescato, noi sindaci, firmando in passato ordinanze di chiusura, una idea sbagliata. C’è la convinzione che allerta meteo significhi automaticamente chiusura delle scuole. Non è così. In caso di pioggia e vento le scuole sono luoghi sicuri”.

“Il Bollettino della Protezione civile – aggiunge – indica una allerta Arancione a partire dalle ore 9 (quindi dopo l’ingresso in classe) e sarebbero previste piogge e vento. Ma è questo un motivo valido per tenere chiuse le scuole? La pioggia ed il vento non creano particolari problemi agli alunni in classe. Il percorso casa-scuola è sempre avvenuto in sicurezza e la maggior parte degli alunni si reca negli edifici accompagnati in autovettura o pulmini”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online