domenica, Marzo 3, 2024
spot_imgspot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Appalti truccati: arrestati sindaco e un imprenditore nel Beneventano

Un sindaco agli arresti domiciliari, un imprenditore in carcere e un vigile urbano all’obbligo di firma: è il bilancio di un’indagine dei carabinieri nel Beneventano, coordinata dal Procuratore della Repubblica Aldo Policastro. In manette è finito Nicola Panella, 59 anni di Montesarchio, mentre gli arresti in casa sono stati applicati a Gennaro Caporaso, 47 anni, sindaco di Tocco Caudio. Obbligo di firma, invece, per un agente della polizia municipale. Le ipotesi di reato contestate a vario titolo vanno dalla turbata libertà degli incanti al trasferimento fraudolento di valori.

A carico del sindaco, scrive il procuratore Policastro in una nota, vi sono “significativi e convergenti elementi indiziari” riguardo alla “sistematica attuazione di un personale modus operandi volto a turbare la regolarità di alcune procedure pubbliche del Comune”. A cominciare da una gara d’appalto relativa ai lavori di messa in sicurezza e di sistemazione idraulico-forestale di una strada, resa possibile – sostiene la procura – grazie alla collusione tra il sindaco e un vigile urbano (membro della commissione di gara) che consentiva di individuare a monte l’impresa aggiudicataria. Il titolare della ditta sarebbe stato legato al primo cittadino da un “rapporto di asservimento”, tanto che durante il periodo di pubblicazione del bando e prima dell’aggiudicazione, il sindaco gli avrebbe commissionato informalmente piccoli lavori di manutenzione stradale “per accontentare il proprio elettorato e che l’imprenditore eseguiva a titolo di favore”.

Al sindaco viene anche contestata la turbativa di una gara relativa all’affidamento del servizio di “accoglienza integrata per i minori stranieri non accompagnati”, avendo promosso la costituzione di una associazione temporanea di imprese alla quale far vincere l’appalto, cosa che non è avvenuta solo “per una difficoltà tecnica”. E “gravi indizi” sono stati raccolti a suo carico anche nella turbativa dell’affidamento del servizio di raccolta, trasporto, recupero e smaltimento dei rifiuti urbani del Comune, affidata a marzo 2022 all’impresa che risultava già affidataria del servizio, “in violazione del principio di rotazione” e proprio per un periodo di due anni, coincidenti con il termine del mandato del sindaco.

Indagato il legale rappresentante dell’impresa aggiudicataria, già sottoposta a sequestro preventivo e amministrazione giudiziaria in un altro procedimento: per ottenere l’aggiudicazione avrebbe omesso di indicare questa condizione della società nella domanda di partecipazione alla gara. L’imprenditore “reale dominus” della società aggiudicataria è stato arrestato: a suo carico anche il trasferimento fraudolento di valori. La società è stata sequestrata, compresi gli asset aziendali, i beni strumentali, i beni mobili e gli immobili ad essa intestati.

Il prefetto di Benevento, Carlo Torlontano, ha sospeso nel pomeriggio il sindaco di Tocco Caudio, Gennaro Caporaso, destinatario della misura cautelare personale degli arresti domiciliari.

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com