giovedì, Febbraio 22, 2024
spot_imgspot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Palma Campania, corruzione e appalti truccati: sindaco ai domiciliari

Il sindaco di Palma Campania Nello Donnarumma è stato arrestato nell’ambito di un’inchiesta, coordinata dalla Procura di Nola e condotta dai Carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna e della stazione di Carbonara di Nola, su presunti casi di illecito svolgimento di procedure di gara.

Sono 8 le persone indagate, due sottoposte agli arresti domiciliari, tre al divieto di dimora e tre al divieto di contrattare con la pubblica amministrazione per un anno, secondo quanto disposto dall’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Nola ed eseguita dai carabinieri. I reati ipotizzati a vario titolo sono corruzione, turbata libertà degli incanti, falso in atto pubblico, depistaggio e subappalto non autorizzato. Tra i destinatari dell’ordinanza, oltre al sindaco di Palma Campania, figurano due dipendenti comunali e cinque imprenditori.

Dalle indagini, condotte tra il 2021 e il 2022 dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del gruppo di Castello di Cisterna con l’ausilio della stazione di Carbonara di Nola, sarebbe emersa una “gestione irregolare” del comune di Palma Campania, connotata dal “sistematico asservimento dei pubblici poteri ad interessi particolaristici e di natura clientelare”.

In particolare, sarebbe emerso l’illecito svolgimento di svariate procedure di gara, tra le quali quelle per la manutenzione stradale, la cura delle aree verdi, i lavori di ristrutturazione di alcuni edifici scolastici e le operazioni di carotaggio su fondi interessati dallo sversamento di rifiuti.

Le procedure sarebbero state turbate in modo da predeterminarne l’esito in favore degli imprenditori aggiudicatari, spesso identificati in figure gradite alla componente politica dell’ente locale che risulterebbe avere esercitato la propria indebita ingerenza nella sfera discrezionale dei dirigenti preposti agli uffici competenti.

Il gip ha ravvisato la configurabilità di molteplici episodi di corruzione in cui l’asservimento della funzione pubblica, correlata all’aggiudicazione di appalti di lavori, servizi e forniture, avrebbe avuto luogo in cambio di denaro o altre utilità e, fra l’altro, verso il tornaconto di carattere elettorale connesso all’assunzione, da parte degli imprenditori beneficiari dell’appalto, di soggetti segnalati dai pubblici ufficiali.

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno notificato gli arresti domiciliari anche all’ingegnere Salvatore Felice Raia (responsabile del IV e V settore del Comune di Palma Campania). I divieti per la durata di un anno di contrattare con la pubblica amministrazione emessi dal gip di Nola su richiesta della procura riguardano invece gli imprenditori Antonio Nunziata, Angelo Miranda e Aniello Sorrentino. I divieti di dimora a Palma Campania infine riguardano l’architetto Monica Ventura (responsabile unico procedimento di affidamento del comune di Palma Campania), Nicola Borrelli (procuratore speciale per conto di una nota catena di supermercati) e Luigia Barone (dipendente di un società coinvolta nelle indagini ritenuta dagli inquirenti elemento di collegamento tra la ditta e i dipendenti comunali indagati). Complessivamente sono diciannove le persone iscritte nel registro degli indagati della Procura di Nola.

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com